Sarà presentata il 18 novembre con peso diminuito ed aerodinamica esasperata, come si vede dal super alettone che spunta dal telo

Guidare una Lamborghini Huracan Super Trofeo non è certo roba da tutti i giorni, farlo significa iscriversi al Lamborghini Super Trofeo e correre a bordo della V10 di Sant’Agata su circuiti di tutta Europa. Circuiti e solo circuiti: l’incarnazione più pura della coupé bolognese infatti non può mettere le ruote su strade aperte al traffico.

Una regola che varrà, almeno stando al teaser che vedete qui sopra, fino al 18 novembre, quando verrà presentata la Huracan Evo STO (sigla che sta per Super Trofeo Omologato), versione “road legal” della Huracan pistaiola.

Aggiungere e togliere

Un’auto estrema, con elementi che il telo che la ricopre non riesce minimamente a celare. Anzi: la super ala posteriore – che assieme al resto dell’aerodinamica genera 700 kg di deportanza a 250 km/h – spunta da dietro e non fa nulla per nascondersi.

Ma ciò che si vede rappresenta una minima parte di quello che rappresenterà il vero cuore della Lamborghini Huracan STO. Se rumors e voci dovessero rispondere al vero infatti ci troveremo davanti a una coupé svuotata di gran parte dei proprio componenti interni, con abitacolo scarno e in linea con quello della Super Trofeo Evo: sedile super avvolgente, niente infotainment né aria condizionata.

Ci sarà poi naturalmente fibra di carbonio in quantità, come abbiamo avuto anche modo di vedere nelle foto spia pubblicate qualche tempo fa.

 

Qualche cavallo in più

Dietro allo scarno abitacolo si troverà il solito V10 aspirato di 5,2 litri con 640 CV e (20 in più rispetto alla Super Trofeo Evo) e poco meno di 600 Nm di coppia. Prezzo e disponibilità non sono naturalmente ancora stati comunicati, ma per portarsi a casa la Huracan STO potrebbero bastare meno dei 235.000 euro (IVA esclusa) necessari per la Super Trofeo vera e propria.