Si dice sempre più spesso che le auto moderne siano ormai simili a computer su ruote, infarcite di tecnologia in ogni dove, attraversate da chilometri di cavi e e con immensi monitor al loro interno. Monitor per gestire ricchi infotainment o, perché no, divertirsi con videogiochi, come si potrà fare - se mai entrerà in produzione - a bordo della Indi One, auto elettrica firmata dalla startup californiana IndiEV.

E no, non pensate a semplici passatempo in stile Tesla, con Asteroids e simili, ma videogame all'ultimo grido da far girare su un vero e proprio computer, con Windows installato. E si, se state pensando che giocare a videogiochi distragga ben più dei comandi touch per un climatizzatore, avete perfettamente ragione.

"Supercomputer", non tanto super

Sotto al cofano, in senso figurato e non tanto per fare un paragone, c'è sistemato un vero computer "affogato" in un alloggiamento apposito che - pensiamo - sia a prova di sollecitazioni meccaniche e sbalzi di temperatura, con un sistema di raffreddamento super efficiente. Magari a liquido, come sui gaming PC dei videogiocatori professionisti. 

Definito "supercomputer" di "super" ha ben poco: processore i7 e scheda video NVIDIA RTX2080, pronta per il 4K ma non di certo il top di gamma dell'azienda statunitense. Sufficiente però per giocare ai titoli più recenti senza blocchi o rallentamenti.

Naturalmente non manca il monitor, un 15" touch sistemato al centro della plancia al fianco di un altro monitor con stessa diagonale, dedicato all'infotainment vero e proprio e basato su Linux.

Indie One il pc
Il case del PC della Indie One

Insomma, se già avevate spalancato la mascella per il gioco arcade di corse della Tesla o per le app di Netflix e Amazon Prime Video, qui vi dovrete stropicciare più volte gli occhi.

Per quanto si gioca?

Il fatto che nella presentazione della Indie One si sia parlato unicamente di videogiochi e hardware del computer fa capire come il progetto, nonostante la versione di serie sia prevista per il 2022, sia ancora ben lontana dall'essere definita.

Indie One

Per ora si è parlato del prezzo - 45.000 dollari, circa 38.000 euro - e del fatto che la concept californiana, come specificato da TheVerge verosimilmente finanziata con fondi cinesi provenienti dall'imprenditore Shi Hai, sia basata su una piattaforma modulare.

Meccanica capace quindi di far da base a differenti modelli e in grado di ospitare vari tipi di batterie e motori, così da offrire una gamma variegata. E voi? Fareste sessioni di videogiochi in viaggio, sperando che chi guida non si distragga?