Nell’ambito della sua strategia di elettrificazione, Volkswagen ha dichiarato di voler presentare un modello elettrico all’anno per ogni segmento “chiave” fino al 2025.

Dopo ID.3 e ID.4, ecco, quindi, la Volkswagen ID.5, il primo SUV coupé del marchio tedesco. Caratterizzato dal tetto spiovente e da linee atletiche, la ID.5 conserva lo stile dell’abitacolo e le stesse motorizzazioni della ID.4, compresa la versione sportiva GTX da 299 CV. I prezzi partono da 52.900 euro.

Muscolosa, ma aerodinamica

Lunga 4,59 metri (1 cm in più della ID.4), larga 1,85 m e alta 1,61 (-3 cm), la ID.5 è basata sempre sulla piattaforma MEB e riprende in buona parte il design della ID.4. Il frontale è caratterizzato da linee morbide e pulite, con la grande mascherina nella parte inferiore e i fari IQ. LIGHT LED che si uniscono al centro nel logo “Volkswagen” e che si animano allo sblocco delle portiere.

Volkswagen ID.5 (2022)

La fiancata ha un profilo muscoloso e una linea di cintura molto alta e ospita cerchi in lega fino a 21”. L’arco del tetto nero si spegne nella coda, dove si trova anche uno spoiler che contribuisce a un coefficiente aerodinamico di 0,26. Chiudono il pacchetto estetico i fari a LED 3D e un diffusore nero che rende più snello il posteriore.

Volkswagen ID.5 (2022)

Pochi e mirati i cambiamenti estetici della GTX che si distingue per un “muso” più elaborato con luci LED verticali integrate negli inserti della mascherina.

Non rinuncia a tecnologia e praticità

Grazie al passo invariato di 2,77 metri e all’assenza dell’ingombro della trasmissione (come in tutte le auto elettriche), la ID.5 promette una spaziosità molto vicina a quella dell’ID.4. Il bagagliaio ha una capacità variabile tra 549 e 1.561 litri, mentre la linea da coupé ha ridotto di appena un centimetro lo spazio per la testa dei passeggeri posteriori.

La plancia della Volkswagen è quasi “spoglia” di comandi e interruttori fisici. I controlli si gestiscono direttamente dal display centrale dell’infotainment con diagonale da 12”. Dotato di riconoscimento vocale “Hello ID” e capace di aggiornarsi automaticamente over-the-air, il sistema permette di controllare navigazione, multimedialità e sistemi di sicurezza.

Volkswagen ID.5 GTX (2022)

A proposito di navigazione, l’head-up display in realtà aumentata proietta sulla strada a 10 metri dallo sguardo del guidatore tutte le indicazioni per muoversi in modo ancora più intuitivo durante i viaggi. La funzione Online Route Calculation pianifica le soste per la ricarica ed è stata aggiornata e migliorata rispetto agli altri modelli della famiglia Volkswagen.

I rivestimenti sono leather-free in ogni allestimento e possono essere richiesti anche in ArtVelours, un materiale in microfibra derivato dalle bottiglie PET riciclate.

Volkswagen ID.5 (2022)

L’abitacolo della versione GTX è praticamente identico, ma si riconosce per i sedili sportivi e il logo identificativo sullo schienale e sul volante. Inoltre, la più sportiva delle ID.5 può contare su cinque modalità di guida e sulla gestione della ripartizione della coppia per migliorare la trazione sui fondi scivolosi.

Infine, il guidatore può impostare la modalità Sport per il controllo di stabilità e avere così un’auto più “permissiva” e dinamica in determinate situazioni di guida.

Sicurezza e motorizzazioni

Elevata la dotazione di sicurezza della Volkswagen. Il merito va al Travel Assist che integra il cruise control adattativo con funzione Stop & Go e il Lane Assist.

La ID.5 è compatibile con lo standard Car2X che mette in “comunicazione” l’auto con l’infrastruttura e i veicoli dotati della stessa tecnologia. Ad esempio, la Volkswagen può segnalare al guidatore la presenza di un pericolo sulla strada distante 800 metri se “avvisata” dall’infrastruttura.

Volkswagen ID.5 (2022)

Tre le motorizzazioni disponibili al lancio, tutte alimentate da una batteria agli ioni di litio da 77 kWh. L’entry level è rappresentata dalla Pro da 174 CV e uno scatto 0-100 km/h di 10,4 secondi. L’intermedia è la Pro Performance da 204 CV e un’accelerazione di 8,4 secondi, mentre il top di gamma è la GTX da 299 CV con un tempo nello 0-100 km/h di 6,3 secondi.

Le prime due motorizzazioni hanno la trazione posteriore, la velocità massima limitata a 160 km/h e un’autonomia di 520 km, mentre l'ID.5 GTX a trazione integrale sale a 180 km/h con un range di 480 km.

Volkswagen ID.5 GTX (2022)

L’ID.5 può essere ricaricata fino a 11 kW in corrente alternata e 135 kW in continua. È disponibile anche l’opzione di ricarica bi-direzionale che fornisce energia dalla vettura ad attrezzature o, addirittura, ad una casa.

Costruita nell’impianto carbon neutral di Zwickau, la ID.5 debutterà in Italia nel corso del 2022. I prezzi ufficiali devono ancora essere annunciati.

Volkswagen ID.5, i prezzi

La Volkswagen ID.5 è disponibile in Italia in 2 versioni: ID.5 Pro Performance, con motore posteriore da 150 kW (204 CV) e prezzo di 52.900 euro e la ID.5 GTX con trazione 2 motori (uno per asse) per un totale di da 220 kW (299 CV), con prezzo base di 58.700 euro.

Di serie il SUV elettrico tedesco offre cruise control adattivo, frenata automatica d'emergenza, lane assist, riconoscimento segnaletica stradale, climatizzatore bizona, sistema keyless, luci full LED, monitor centrale da 12", strumentazione digitale da 5,3", piastra per la ricarica wireless dello smartphone, cerchi da 19" e altro ancora.

La GTX aggiunge cerchi da 20", luci anteriori Matrix LED, volante in pelle riscaldabile, estetica dedicata e illuminazione interna in 30 differenti tinte.

La lista degli optional contiene cerchi da 21", differenti rivestimenti per l'abitacolo, sedili a regolazione elettrica, gancio traino estraibile (portata max 750 kg), tetto panoramico in cristallo, head-up display con realtà aumentata, climatizzatore trizona, assetto adattivo e sterzo progressivo.

 

Fotogallery: Foto - Volkswagen ID.5 (2022)