"Passione è la parola che unisce tutto". C'è poco da fare: quando Andrea Levy parla del Milano Monza Motor Show (MIMO), la manifestazione che ha ideato, emozione e coinvolgimento traspaiono evidenti al di là del tono pacato e della cadenza piemontese.

Il MIMO, erede del Parco Valentino, arriva nel 2022 alla seconda edizione, dopo il successo realizzato lo scorso anno nonostante le limitazioni dovute alla pandemia. Le date? Dal 16 al 19 giugno, periodo scelto anche per sfruttare la chiusura delle scuole e avvicinare i giovani al mondo dell'automotive.

MiMo 2021
MIMO 2021

"E' un evento all'aperto, dove mettiamo le vetture tra il pubblico. Si parla di avvicinare i ragazzi e le famiglie al mondo delle quattro ruote e proprio questo è il nostro intento. Anche per il 2022 il MIMO sarà completamente gratuito per il pubblico, sia a Milano che anche nell'autodromo di Monza", spiega Levy in una conferenza stampa. 

milano-monza-motor-show

Vedi tutte le notizie su Milano Monza Motor Show

Automobili vendesi

Ci saranno ancora le pedane che il presidente del MIMO definisce "democratiche", dove esporre staticamente le auto, i test drive delle Case finalizzati all'elettrificazione (sono circa 50 i partner automotive della manifestazione) e, novità, la possibilità per i Costruttori, "in un'area specifica messa a disposizione dal comune di Milano, di vendere le automobili, come avviene per esempio nei Saloni di Amsterdam o di Bruxelles". In questo modo, osserva Levy, "vogliamo dare un segnale per spingere sul rinnovamento del parco auto italiano e fornire un supporto alle Case".

Premiere Parade al MIMO 2021
Premiere Parade al MIMO 2021

Confermata la Premiere Parade, con le auto in movimento intorno al Duomo di Milano il 16 giugno alle 19 circa, mentre il ruolo di Monza, con perno alla Villa Reale, crescerà sia in città che in autodromo, visto anche che il circuito compie 100 anni. E non è finita. Proprio nel più antico impianto che ancora ospita la Formula 1 terminerà di fatto l'edizione 2022 della 1000 Miglia, con l'ultima prova a cronometro il 18 giugno. Il giorno successivo Monza "si colorerà" con le supercar di Cars & Coffe "per una festa dei motori a 360 gradi".

L'Autodromo di Monza compie 100 anni

Il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in un audio messaggio, e quello di Monza, Dario Allevi, insistono sul legame storico che lega i due territori, tra non molto collegati anche dalla metropolitana. Il primo ci tiene a rimarcare che il capoluogo lombardo "non è nemico dell'auto, che anzi ha fatto la storia di questo Paese. Oggi però", aggiunge, "i temi sono cambiati e la mobilità deve adeguarsi di pari passo. Stiamo lavorando su nuove forme di trasporto urbano, investendo nei mezzi pubblici elettrici e incentivando la mobilità condivisa. Per fare anche in modo che quello di guidare sia un piacere e non un obbligo. Sviluppo e ambiente possono e devono correre insieme. MIMO è il palcoscenico ideale per diffondere questa circostanza in Italia e nel mondo".

I test drive al MIMO 2021
I test drive al MIMO 2021

Per Allevi, "il futuro dell'Autodromo di Monza si deve costruire con gli investimenti. Stiamo cercando in tutti i modi di sensibilizzare la politica perché trovi queste risorse", sostiene. "Per Imola sono state reperite: non credo che possano esserci figli e figliastri. Sono sicuro che le risorse verranno trovate nella legge di Bilancio, ma serve una vision. L'autodromo non deve restare un mito da sfogliare sui cataloghi patinati, ma deve vivere nei prossimi 100 anni come protagonista del cambiamento".

Anche Angelo Sticchi Damiani, presidente dell'Aci, spera che i 100 anni dell'Autodromo "siano l'occasione per rimettere un po' a nuovo un impianto che ha una storia straordinaria. Confido che con la legge di Bilancioci siano le risorse per fare su Monaza quello che Monza merita".

Marco Trochetti Provera, vice presidente esecutivo e ceo di Pirelli, (sponsor e padrone di casa per la conferenza stampa) indica il MIMO come "una formula di successo, che avvicina le persone al mondo dell'automobile nel suo aspetto sportivo con Monza, per tutto quello che è collegato alla memoria e all'attualità del massimo del motorsport, e per le vie di Milano nel contatto con la mobilità sostenibile. C'è voglia di ripartenza e questo è un evento che permette di dare il là a una stagione di crescita su cui vogliamo assolutamente puntare".