Negli ultimi anni abbiamo visto tante vecchie glorie ritornare come concept o come veri e propri modelli. Ci riferiamo alle Renault 5 o Volkswagen ID.Buzz (l’erede del Microbus), che prossimamente torneranno sulle nostre strade, o a prototipi senza tempo come quelli della serie “Hommage” di BMW realizzati tra il 2008 e il 2016.

Questi concept unici al mondo sono stati una rappresentazione moderna di miti del marchio dell’Elica e una dei più importanti è stata la 328 Hommage, dedicata al celebre modello degli Anni ’30.

L’erede dell’icona

La BMW 328 originale è considerata una delle auto più belle e più vincenti di quell’epoca, tanto che la versione Touring Coupé detiene tuttora il record di velocità media nella Mille Miglia.

La 328 Hommage è stata svelata nel 2011 al Concorso d’Eleganza Villa d’Este con un design e uno spirito molto vicini a quelli della roadster di quasi un secolo fa.

BMW 328 Hommage (2011)
BMW 328 Hommage (2011)
BMW 328 Hommage (2011)

La linea senza tempo si distingue per le sue forme originali, col lungo cofano che sembra allungarsi oltre alla calandra a doppio rene verticale. L’attenzione dei progettisti si è concentrata anche sui fari, che sul prototipo presentano una forma a X come le auto da competizione di un tempo. La 328, originale, invece, fu una delle prime auto in cui i gruppi ottici erano integrati nel paraurti.

I particolari cerchi in lega concavi sono un omaggio allo stile degli Anni ’30, mentre il look della zona posteriore può essere considerato una sorta di anticipazione di quello della moderna Z4.

Leggera e “spartana”

Anche la 328 moderna punta sulla leggerezza raggiungendo i 780 kg sulla bilancia grazie a due posti secchi, l’assenza delle portiere, un sottile parabrezza (asimmetrico, come le vetture da corsa di una volta) e un vasto impiego di fibra di carbonio. Non per questo la BMW rinuncia al lusso con rivestimenti in pelle e alluminio spazzolato che mantengono elevato il livello di eleganza degli interni.

BMW 328 Hommage (2011)

La strumentazione è ridotta all’osso e comprende solo un piccolo quadro strumenti davanti al guidatore (che mostra pochissime informazioni, tra cui il numero di giri, la velocità e la temperatura dell’olio) e un cronometro e un orologio dal lato del passeggero.

La BMW è equipaggiata con un 3.0 sei cilindri in linea con potenza non dichiarata, anche se si presume un valore intorno ai 340 CV come quello dell’allora Serie 1 M Coupé. Nulla a che vedere col 2.0 6 cilindri da 80 CV della 328 originale, ma erano ovviamente altri tempi.

Fotogallery: Foto - BMW 328 Hommage (2011)