Le discussioni sullo stile della nuova BMW Serie 7 sono appena iniziate e chissà quando termineranno. Una rottura importante rispetto al passato, abbracciando le linee già viste sulla X7 restyling. Ma non è questo il punto: la vera rivoluzione della berlina bavarese sta nell'essere - per la prima volta nella sua storia - anche elettrica. Si chiama BMW i7 e ha nella Mercedes EQS la sua rivale designata.

Ammiraglie vecchia scuola, almeno per quanto riguarda lo stile della carrozzeria, differenti nel design ma simili per quanto riguarda la filosofia: offrire il meglio che c'è ai loro proprietari. Ecco allora che le mettiamo una contro l'altra per una sfida - rigorosamente a ruote ferme - per coglierne punti di contatto e differenze.

Elettriche di rappresentanza

"7" ed "S". Un numero e una lettera che in casa BMW e Mercedes rappresentano il non plus ultra. Le ammiraglie sono loro e ancora lo saranno, con buona pace dell'invasione di SUV. Perché l'eleganza di una berlina non si batte. Berline con dimensioni capaci di offrire (e ci arriveremo dopo) abitabilità ai massimi livelli.

Mercedes EQS
BMW i7

La Mercedes EQS si presenta con 5,22 metri di lunghezza, 1,93 di larghezza, 1,51 di altezza e passo lungo e ben disteso: 3,21 metri. La BMW i7 risponde con lunghezza di 5,39 metri, larghezza di 1,95, e 1,53 metri di altezza e passo identico di 3,21 metri.

Se sulla carta le misure sono (quasi) sovrapponibili, per quanto riguarda lo stile le differenze sono marcate. La EQS si distacca dalla sua controparte endotermica Classe S, facendo suoi gli stilemi delle altre elettriche della Stella: mascherina chiusa in nero lucido dalla quale "prendono vita" i gruppi ottici, linee estremamente sinuose con coda che la fa quasi apparire come una due volumi e mezzo.

Mercedes EQS
BMW i7

La BMW i7 è invece in tutto e per tutto simile alla BMW Serie 7 2022: grande doppio rene (in questo caso chiuso), luci disposte su due livelli, lungo cofano e coda ben definita.

Modello Mercedes EQS BMW i7
Lunghezza 5,22 5,39
Larghezza 1,93 1,95
Altezza 1,51 1,53
Passo 3,21 3,21

Danno il massimo

Ma la partita del "premium" la si gioca in abitacolo e le due sfidanti qui si sono sbizzarrite, mettendo sul piatto tutto il meglio possibile e immaginabile. Non più però solo per quanto riguarda lo spazio, abbondante in entrambe, col posto posteriore destro che diventa quello principale: il sedile anteriore si può avvicinare il più possibile alla plancia permettendo così al passeggero di allungare le gambe, come fosse in first class.

Mercedes EQS
2022 BMW M760e xDrive

Il lusso ora fa rima con "tecnologia" e la Mercedes EQS risponde con l'hyperscreen, un insieme di monitor "affogati" nella plancia: uno da 12,3" per la strumentazione, uno da 17,7" per l'infotainment e un altro - ancora una volta da 12,3", sistemato davanti al passeggero anteriore. Un tripudio di schermi ai quali si possono aggiungere i 2 dedicati a chi siede in seconda fila. Il software è ricchissimo di funzionalità e sempre connesso.

Un effetto wow che fa quasi sembrare il doppio monitor della BMW i7 quasi "normale", anche se normale non è: si chiama BMW Curved Display e unisce uno schermo da 12,3" dietro il volante e un altro da 14,9" al centro della plancia. Qui si possono anche guardare video di Youtube, naturalmente non mentre si guida (anche se in Inghilterra, a breve, lo si potrà fare). Come sulla concorrente i tasti fisici sono ridotti al minimo, ma non scompare il rotore dell'iDrive per navigare i menù.

Mercedes EQS
Mercedes EQS
BMW i7
BMW i7

A rubare la scena però è un altro monitor: si chiama BMW Theatre Screen, ha una diagonale da 31,3", risoluzione 8k e si nasconde a filo col tetto (in cristallo), per poi mostrarsi in tutta la sua grandezza quando chi siede dietro ha voglia di svagarsi un po'. Grazie all'integrazione con Amazon Fire TV integrata si possono infatti guardare video in streaming su Amazon Prime Video, giocare a videogiochi e tanto altro, avvolti dall'audio 4D dei 36 altoparlanti del sistema Bowers & Wilkins.

Per entrambe le ammiraglie elettriche naturalmente la possibilità di personalizzazione è sconfinata, tra scelta di materiali, tinte, finiture e chi più ne ha, più ne metta.

Mercedes EQS
Mercedes EQS
BMW i7
BMW i7

La tecnologia

Meriterebbe forse un articolo a parte, o una serie di articoli, tanto è centrale per entrambe le auto. E non solo per quanto riguarda l'infotainment: luci a matrice di LED, cruise control adattivo di ultima generazione, mantenitore attivo della corsia, telecamere, sensori, radar. Mercedes EQS e BMW i7 sono pronte per la guida autonoma di Livello 3, in attesa che la burocrazia dia il "via libera" (come successo in Germania per la Casa della Stella) al suo utilizzo su strade pubbliche.

Significa che, in situazioni di traffico intenso e velocità non superiore ai 60 km/h, si potrà lasciare il controllo all'auto stessa, potendosi distrarre senza dover tenere il volante tra le mani o i piedi sui pedali.

Mercedes EQS
BMW i7

Motori e ricarica

La Mercedes EQS è attualmente disponibile in 23 configurazioni: Mercedes EQS 450+ con trazione posteriore, 333 CV (245 kW), 568 Nm di coppia e batteria da 107,8 kWh, per un'autonomia dichiarata di 780 km. C'è poi la EQS 580 4Matic: due motori (uno per asse) per un totale di 523 CV e 855 Nm di coppia. Infine la più recente EQS 53 4Matic+ AMG Luxury da 658 CV. In futuro poi arriverà la versione top di gamma da e sportiva da 761 CV.

La BMW i7 è invece disponibile unicamente con trazione integrale: si parte con la xDrive 60 da 544 CV e 745 Nm di coppia, mentre più avanti arriverà la BMW i7 M70 xDrive da 660 CV e 1.000 Nm di coppia. Per entrambe la batteria è da 101,7 kWh effettivi e promette un'autonomia compresa tra i 590 e i 625 km.

A livello di ricarica l'elettrica della Stella arriva fino a un massimo di 200 kW di potenza mentre la concorrente bavarese raggiunge i 195 kW.

I prezzi

Per quanto riguarda i listini la Mercedes EQS parte da 116.215 euro e arriva ai 175.580 della top di gamma EQS 53 4Matic+ AMG Luxury. La BMW i7 ha invece un prezzo di 146.000 euro.