Lotus e smart sono le due ultime Case auto a entrare nel segmento SUV. Un mese fa, il marchio britannico ha presentato l'Eletre, il suo primo modello a ruote alte e uno dei tanti che arriveranno nei prossimi anni. La scorsa settimana, smart ha rivelato il #1, un B-SUV che è pronto a rivaleggiare con la MINI Countryman. Questi prodotti sono una risposta al boom delle vendite che ha guidato la crescita dagli anni 2000.

Visto che questi veicoli sono di solito più costosi e vengono sviluppati sui pianali utilizzati per gli altri modelli, i produttori di auto riescono a ricavare dai SUV margini più alti. La formula è abbastanza semplice: le Case sviluppano un'unica piattaforma e propongono diversi modelli e tipi di carrozzeria, con il SUV che si pone al livello più alto nella struttura dei listini. Il divario di prezzo è abbastanza significativo, secondo i dati di JATO Dynamics.

Quel SUV dalle uova d'oro

In Italia, per esempio, un B-SUV costa il 35% in più di una B-Car. Questo divario scende all'11% nel segmento F (quello di lusso). In media, un SUV (tutti i sottosegmenti) è il 33% più caro di una macchina (segmenti da B a F). Sulla base di questi dati, è abbastanza facile capire perché quasi tutte i brand di auto in ogni parte del mondo hanno almeno un SUV nella propria gamma.

E' SUV-mania, ma 11 Case non li producono

Tuttavia, restano pochissimi marchi che non sono ancora stati tentati da questo boom. Alcuni non sono interessati perché non fa parte del loro Dna. Altri semplicemente non hanno le risorse, mentre qualcuno ci sta già lavorando.

Non è possibile trovare un SUV da Abarth, Alpine, Bugatti, Chrysler, Ferrari, Lancia, Lucid, McLaren, Pagani, Polestar e Ram. La lista esclude player minori come Caterham, Morgan, Dallara, Rimac, Koenigsegg e altri.

foto-per-topic-motor1-numbers

Vedi tutte le notizie su Motor1 Numbers

E' SUV-mania, ma 11 Case non li producono

Un Cavallino Purosangue

Nel caso di Alpine, Ferrari e Polestar, un SUV dovrebbe arrivare entro i prossimi due anni. In realtà, la Ferrari Purosangue potrebbe essere rivelata già nei prossimi mesi. Con l'eccezione di Ferrari, queste marche hanno bisogno di un SUV al fine di ottenere più abbrivio come marchi relativamente nuovi. Anche Chrysler starebbe lavorando su qualcosa, ma non c'è nulla di confermato.

Altri come Bugatti, McLaren o Pagani sono riconosciuti come marchi di supercar e, quindi, un SUV potrebbe non essere ancora una priorità. Ma questa posizione potrebbe cambiare qualora il SUV del Cavallino dimostrasse di avere successo e risultasse innocuo per l'immagine del marchio.

D'altra parte, Ram, il sesto più grande marchio per vendite di Stellantis, non è semplicemente interessato, considerando il suo posizionamento su pick-up, trucks e veicoli commerciali leggeri marca.

Lucid ha appena iniziato il suo viaggio come marchio indipendente, ma il secondo passo dovrebbe essere un SUV. Abarth è in attesa di altri prodotti, mentre Lancia, sia pure con pochi particolari svelati finora, ha in programma nel 2026 il lancio di un Cuv (Crossover utility vehicle).

E' SUV-mania, ma 11 Case non li producono

L'autore dell'articolo, Felipe Munoz, è Automotive Industry Specialist di JATO Dynamics.