Il futuro delle auto da track day inizia con l’Ariel Hipercar. Il costruttore inglese, autore della Atom e rivale di modelli come la KTM X-Bow o la BAC Mono, ha presentato il primo prototipo del suo bolide da pista 100% elettrico.

Con una potenza di quasi 1.200 CV e un assetto orientato esclusivamente al tracciato, l’Hipercar promette prestazioni da urlo.

Vuole essere la prima della classe

L’Hipercar (il nome è l’unione di “High Performance Carbon Reduction”) è nata con due obiettivi precisi. Prima di tutto, la batteria è stata concepita per resistere agli sforzi dell’utilizzo in pista, dove l’energia dissipata può essere 10 volte più elevata di quella di una comune auto elettrica stradale. In aggiunta, la nuova Ariel è nata per battere il tempo sul giro dei modelli con motore termico più potenti al mondo.

Ariel Hipercar
Ariel Hipercar
Ariel Hipercar

Così, i progettisti si sono rivolti alla Delta Cosworth, la quale ha fornito un pacco batterie da 62,2 kWh brevettato e di nuova generazione con celle 18650. L’Hipercar utilizza un’architettura a 800 Volt e quattro motori elettrici (uno su ogni ruota) per sviluppare 1.196 CV e 1.819 Nm. Ma non è finita qui.

Un jet con tanto di turbina

Il powertrain elettrico è sufficiente per percorrere circa 240 km, ma l’autonomia è ovviamente molto “teorica” quando si corre in pista. Per questo, Ariel mette a disposizione un particolare sistema di range extender composto da una turbina in grado di raggiungere i 110.000 giri al minuto.

Quest’ultima aggiunge ulteriori 50 CV e si attiva automaticamente (attraverso i calcoli effettuati dal software di gestione della batteria) o manualmente con un comando nell’abitacolo. Ariel non specifica l’aumento di percorrenza, ma spiega che il sistema con serbatoio da 35 litri può essere alimentato con e-fuel e idrogeno per ridurre al minimo le emissioni.

Ariel Hipercar

Dati alla mano, l’Ariel Hipercar (lunga 4,30 m, larga 2,15 m contando gli specchietti, alta 1,35 m e pesante 1.556 kg) scatta da 0 a 100 km/h in 2,09 secondi e arriva a 160 km/h in 4,42 secondi, mentre la velocità massima è di 250 km/h.

Numeri da vero jet, insomma. Del resto, le forme super aggressive della carrozzeria fanno capire subito che non si tratta di un’auto ordinaria.

Ariel Hipercar

E anche il prezzo, ovviamente, non è per tutti. Ariel anticipa che il modello di serie (pronto probabilmente nel 2024) potrebbe costare intorno al milione di sterline (1,16 milioni di euro).

Fotogallery: Foto - Ariel Hipercar