Le nuove MINI elettriche si avvicinano. Tra il 2024 e il 2025, la Casa inglese rinnoverà profondamente la propria gamma iniziando con la Countryman e proseguendo con la nuova MINI 3 porte (successivamente ci saranno anche la 5 porte e la Cabrio) e l’inedita Aceman.

Autocar ha avuto modo di conoscere in anteprima il futuro del marchio british grazie a un’intervista col nuovo ceo di MINI Stefanie Wurst.

Il focus sulla Cooper EV

Alla base della strategia di MINI c’è l’obiettivo del 50% di vendite elettriche entro il 2025 (attualmente le EV del brand hanno una quota interna del 15%). Per raggiungere questa soglia, MINI lancerà la terza generazione della Countryman a febbraio 2024, mentre a maggio sarà il turno della Cooper EV (a luglio toccherà alle versioni con motore termico). Infine, ci sarà la Aceman a gennaio 2025.

Nuovi mini spioncini a tre porte

Nuova MINI elettrica, le foto spia

Nuova MINI Countryman, le foto teaser

Nuova MINI Countryman, le foto teaser

MINI Aceman, le prime foto spia

MINI Aceman, le prime foto spia

Wurst si è soffermata soprattutto sulla Cooper EV che rappresenterà il modello più importante di tutto il nuovo listino in termini di vendite. Prodotta in Cina sulla piattaforma Spotlight EV creata grazie alla joint venture con Great Wall Motors, la MINI elettrica sarà disponibile con batteria da 40 kWh e da 54 kWh.

L’autonomia crescere dagli attuali 240 km fino a 385 km, con una potenza che sarà compresa tra 184 e 218 CV. In un secondo momento, a metà 2025, sarà presentata la prima JCW elettrica, con batteria da 54 kWh e circa 250 CV per battere la concorrenza di Abarth 500e e Alpine R5.

E le versioni termiche? Wurst conferma che nella gamma MINI saranno proposte solo varianti a benzina, tutte abbinate – quasi sicuramente – a un cambio automatico a 8 rapporti. Anche per queste MINI è prevista una variante sportiva JCW, ma non si sa ancora se riceverà qualche tipo di elettrificazione o se manterrà un motore a benzina puro.

Fotogallery: Nuova MINI, le foto spia della versione elettrica