I programmi delle Case per rendere più sostenibile la produzione sembrano inevitabilmente legati a concetti puramente matematici come l'intelligenza artificiale e l'ottimizzazione, il risparmio e la sinergia, eppure ci sono luoghi dove queste esigenze si sposano con la filosofia orientale e con l'abilità manuale dei maestri artigiani.

Uno dei questi luoghi è la fabbrica Toyota di Myochi, che al pari di altri si affida alle capacità dei maestri Takumi nel difficile e delicato compito di assemblare motori anche da competizione. Qui, il concetto che Toyota ha riassunto nella parola "Monozukuri", che in giapponese indica sia l'abilità artigianale sia, in senso più ampio, la "capacità di realizzare cose" usando con maestria i macchinari tanto quanto la propria abilità manuale.

Motori dal 1973

L'impianto di Myochi sorge nella prefettura di Aichi, dove sono concentrate la maggioranza delle fabbriche più importanti: apre i battenti nel 1973 e inizia a sfornare componenti in acciaio e alluminio pressofuso per motori e sospensioni, differenziali e gruppi di rinvio per veicoli a quattro ruote motrici.

Alla fine del decennio sono introdotti i primi processi a controllo computerizzato, mentre nel 1984 si sperimentano all'interno del complesso i primi rudimentali sistemi di trasporto parti con veicoli a guida autonoma. Nel 1986 viene aperto un impianto di verniciatura interno che accelera la produzione di parti finite mentre all'inizio degli Anni '90 si inizia a costruire anche colonne e sistemi di sterzo.

La fabbrica di motori e componenti Toyota di Myochi

La fabbrica di motori e componenti Toyota di Myochi

Zero rifiuti dal 2000

Il decennio porta co sé anche i primi traguardi nel campo della sostenibilità ambientale: nel 1998 lo stabilimento Toyota è certificato ISO 14001, mentre nel 2000 viene raggiunto l'obiettivo dell'eliminazione completa dei rifiuti da discarica. Nel 2008 Myochi riceve il premio del Ministro dell'Economia, del Commercio e dell'Industria per la produzione di differenziali di qualità e per l'elevato risparmio energetico ottenuto grazie all'uso di forni a trattamento termico con metodo SQC.

La fabbrica di motori e componenti Toyota di Myochi

Una delle fasi di lavorazione di componenti dei motori condotta artigianalmente a Myochi

L'intervento umano

Malgrado la costante crescita tecnologica, a Myochi è stata sviluppata di pari passo anche l'artigianalità, applicata soprattutto alla costruzione di propulsori, tramite i maestri Takumi, capaci di superare anche i robot nella finitura dei prodotti di alta qualità.

Ne sono un esempio le strutture interne estremamente complesse dei componenti dei motori ad altissime prestazioni utilizzati negli sport motoristici, modellate utilizzando gabbie centrali e calibrate in ogni ogni singolo grammo di metallo con tecniche di stampaggio artigianali.

La scheda di Myochi

Inaugurazione 1973
Proprietà Toyota Motor Company
Collocazione Myochi, Prefettura di Aichi, Giappone
Superficie complessiva 570.000 metri quadri
Dipendenti impiegati Circa 1.600
Capacità produttiva Circa 50.000 blocchi in ghisa, 30.000 in alluminio, 1.000.000 di differenziali e 70.000 transfer case l'anno
Altre attività -
Modelli attualmente prodotti -
Modelli storici più importanti prodotti
Modelli di prossima produzione -
fabbriche-40 Vedi tutte le notizie su Fabbriche 4.0

Fotogallery: La fabbrica Toyota di Myochi