La bZ4X è stata solo l'inizio. Presto, la gamma di elettriche di Toyota si allargherà in modo importante comprendendo dei segmenti chiave, soprattutto per il mercato europeo. 

Uno dei modelli più attesi della Casa giapponese è la bZ2X, un crossover compatto basato sul concept Urban SUV e rivale di Peugeot 2008 e smart #1 che potrebbe arrivare tra il 2024 e il 2025.

Linee di famiglia

Nel nostro render proviamo a dare forma al crossover Toyota, che dovrebbe confermare in buona parte delle forme spigolose del concept. Per quanto futuristiche, infatti, le linee dell'Urban SUV mostrano già alcuni tratti caratteristici dei modelli più recenti del brand, come la mascherina e le proporzioni della fiancata (piuttosto simili a quelle della Yaris Cross).

Toyota bZ2X, il render di Motor1.com

Toyota bZ2X, il render di Motor1.com

Proprio per questo motivo, le dimensioni del modello di serie non dovrebbero allontanarsi troppo da quelle del concept, che potrebbe essere lungo 4,3 metri, largo 1,82 m e alto 1,62 m. A bordo ci aspettiamo un travaso di tecnologia dalla bZ4X, pur con le dovute proporzioni vista la differente clientela a cui si rivolgono le due auto. 

Al tempo stesso, non saremmo sorpresi di trovare qualche novità sulla bZ2X, su cui Toyota punterà tanto soprattutto in termini di volumi di vendita.

Batteria, motori e prezzi

Toyota non ha rivelato le specifiche tecniche dell'Urban SUV Concept. Di conseguenza, è difficile immaginarsi le capacità della bZ2X. 

Toyota Urban SUV Concept

Toyota Urban SUV Concept

Guardando alla concorrenza, comunque, è possibile che il crossover giapponese possa essere dotato di una batteria compresa tra 50 e 60 kWh e di versioni con motore singolo anteriore e doppio motore per la trazione integrale. L'autonomia potrebbe aggirarsi intorno ai 400-450 km per essere competitivo nei confronti di avversarie come Jeep Avenger e Opel Mokka-e.

Il prezzo resta un'incognita, ma è possibile immaginarsi un posizionamento intorno ai 35-40.000 euro per le versioni base. 

Fotogallery: Toyota bZ2X, il render di Motor1.com