Le auto moderne hanno schermi sempre più grandi e sempre meno comandi fisici. Dalle city car ai SUV più lussuosi, la tendenza attuale è quella di semplificare il più possibile l'abitacolo mettendo spesso il design davanti alla praticità (o alla sicurezza).

Nei prossimi anni, però, gli interni potrebbero tornare al passato e ai cari vecchi pulsanti. Così, secondo le nuove normative Euro NCAP, le auto saranno più sicure.

Le funzioni "obbligatorie"

Infatti, le nuove regole dell'ente che entreranno in vigore nel gennaio 2026 toglieranno punti ai veicoli che non disporranno di determinati comandi tradizionali.

In altre parole, il Programma europeo di valutazione delle auto nuove intende declassare le valutazioni di sicurezza delle auto appena testate che non dispongono di pulsanti, pedali o manopole per le seguenti funzioni: indicatori di direzione, luci di emergenza, clacson, tergicristalli e chiamata di emergenza.

Quest'ultima è nota come funzione eCall ed è obbligatoria nell'Unione Europea da diversi anni e compone automaticamente il numero di emergenza locale in caso di incidente stradale grave.

Matthew Avery, direttore dello sviluppo strategico di Euro NCAP, spiega il motivo della decisione: 

"L'uso eccessivo di schermi touch è un problema che riguarda tutto il settore. Quasi tutti i Costruttori hanno spostato i comandi chiave su schermi tattili centrali, obbligando i conducenti a distogliere lo sguardo dalla strada e aumentando il rischio di incidenti dovuti a distrazione.

I nuovi test Euro NCAP previsti per il 2026 incoraggeranno i produttori a utilizzare comandi fisici separati per le funzioni di base in modo intuitivo, limitando il tempo di distogliere lo sguardo dalla strada e promuovendo quindi una guida più sicura".

Bisogna notare che Euro NCAP non può obbligare le Case automobilistiche ad adottare dei comandi fisici, ma è chiaro come sia nell'interesse di ogni marchio ottenere il massimo delle valutazioni di sicurezza.

Chi va già controcorrente

È sicuramente un buon inizio, ma l'elenco dei comandi "obbligatori" potrebbe essere ancora migliore aggiungendo controlli separati per le impostazioni del clima, i quali sono spesso attivabili solo dalle impostazioni sul display centrale.

È vero anche che diverse Case stanno andando controcorrente, con Hyundai che sta inserendo controlli più tradizionali nelle sue auto e altri marchi, come Toyota, che non hanno abbandonato il layout lineare delle scorciatoie sul cruscotto.

Ineos Grenadier Trialmaster Edition

Gli interni dell'Ineos Grenadier Trialmaster Edition

Interni Skoda Superb 2024

I comandi della Skoda Superb 2024

Un altro esempio è Ineos, col fuoristrada Grenadier che abbonda di pulsanti e manopole, come in una cabina di pilotaggio. E poi c'è la nuova Skoda Superb, che è dotata di tre quadranti fisici con schermi personalizzabili integrati, che consentono di modificare le impostazioni utilizzando gli stessi quadranti.