Il 1974 è un anno speciale per la Svezia: Gli ABBA vincono l'Eurovision Song Contest. E Volvo lancia la nuova serie di modelli 240. All'epoca, nessuno poteva immaginare che entrambi sarebbero diventati dei successi di lunga durata.

La Casa svedese presentò per la prima volta tre versioni nell'anno di lancio di una nuova serie di modelli: la Volvo 242 berlina a due porte, la Volvo 244 berlina a quattro porte e la Volvo 245 station wagon a cinque porte.

La sicurezza prima del design

Questi modelli rappresentano un'ulteriore evoluzione coerente della serie Volvo 140. La nuova linea di design si ispira allo studio Volvo VESC. Da questa concept car per la sicurezza del 1972, la 240 adotta il frontale sporgente e appariscente e i paraurti grandi e massicci. A seconda della versione, la nuova Volvo è lunga tra 4.785 e 4.898 mm, con un passo di 2.640 mm.

Fotogallery: Volvo 240 (1974-1993)

La sequenza numerica nella denominazione del tipo Volvo 242 sta per quattro cilindri e due porte; questa versione di carrozzeria è stata costruita dal 1974 al 1984. La berlina a quattro porte è stata offerta con il nome di Volvo 244 (quattro cilindri, quattro porte) dal 1974 al 1993 e la versione station wagon Volvo 245 (quattro cilindri, cinque porte) dal 1974 al 1993.

Una berlina a quattro porte con un prestigioso motore a sei cilindri fu commercializzata dal 1974 al 1982 come Volvo 264 (sei cilindri, quattro porte). Una berlina a due porte con motore a sei cilindri fu disponibile su alcuni mercati dal 1975 al 1977 con il nome 262 (sei cilindri, due porte). La berlina a sei cilindri fu in programma dal 1975 al 1985 come Volvo 265 (sei cilindri, cinque porte).

Volvo 240 (1974-1993)

Volvo 245 DL

Volvo 240 (1974-1993)

Volvo 244 GL

Per l'anno di modello 1983 furono assegnati nuovi nomi a diversi modelli: I modelli a quattro cilindri furono ribattezzati Volvo 240 e il modello 265 fu ribattezzato Volvo 260. La reputazione di Volvo come marchio premium fu rafforzata tra il 1977 e il 1981 anche dalla Volvo 262C, una coupé a due porte a sei cilindri dalle forme non convenzionali.

Volvo ha esteso la sua posizione di leader tra i produttori più innovativi in termini di sicurezza introducendo un piantone dello sterzo con diversi punti di rottura predeterminati e installando il serbatoio del carburante in posizione protetta davanti all'asse posteriore. Di fatto, la Volvo 240 è riconosciuta come l'auto più sicura al mondo con la migliore protezione degli occupanti al momento della sua presentazione. Nel 1976, la serie Volvo 240 è stata addirittura scelta come veicolo di riferimento per la ricerca sulla sicurezza dalla National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) americana. Un onore che è stato rinnovato nel 1991.

Volvo 240 (1974-1993)

Volvo 244, 264 e 265

Il telaio con montanti McPherson e i motori a quattro cilindri con alberi a camme in testa sono nuovi per i modelli della serie 240. Il noto motore a quattro cilindri B20 rimarrà inizialmente nella gamma per le versioni di base.

Le berline a due porte sono ancora molto richieste, soprattutto nel mercato nordico, quindi è logico che Volvo includa la Volvo 242 nel suo programma di vendita. Mentre la berlina a quattro porte e la station wagon hanno battuto tutti i record di produzione e hanno continuato a essere costruite fino al 1993, la produzione della Volvo 242 è terminata nel 1984, come originariamente previsto per tutti i modelli della serie.

Il successo negli sport motoristici

Durante i dieci anni di produzione, Volvo offrì la 242 con molte varianti di motore e trasmissione. Particolarmente apprezzate furono le varianti sportive Volvo 242 GT della fine degli anni Settanta e la Volvo 240 Turbo, offerta solo in Nord America. Solo la versione motorsport della Volvo 242 con 243 kW (330 CV) e una velocità massima di 260 km/h sviluppa più potenza. I piloti Thomas Lindström e Gianfranco Brancatelli hanno vinto il Campionato Europeo Turismo nel 1985 con quest'auto.

Gianfranco Brancatelli e Thomas Lindström nel 1985

Gianfranco Brancatelli e Thomas Lindström nel 1985

Per un breve periodo, la Volvo 244/264 poté essere ordinata anche con un motore V6 a benzina. Tuttavia, un altro motore a sei cilindri divenne estremamente popolare: il primo diesel a sei cilindri al mondo per autovetture. A partire dal 1979, i modelli Volvo 240 furono quindi le prime autovetture Volvo con motore diesel. Il motore diesel, noto internamente come D24, fu sviluppato in collaborazione con Volkswagen. In alcuni mercati fu invece offerto un diesel a cinque cilindri.

Inizialmente Volvo pensava che la famiglia Volvo 240 sarebbe rimasta in produzione fino ai primi anni Ottanta. Tuttavia, la serie di modelli superò tutte le aspettative e si trasformò in una leggenda durante i suoi quasi 20 anni di produzione. Due importanti lifting nel 1981 e nel 1986 furono sufficienti a garantirne l'eterna giovinezza, con gli svedesi che produssero un totale di oltre 2,8 milioni di unità della serie 240/260 tra il 1974 e il 1993. La versione più venduta è stata la Volvo 244/240 a quattro porte, con quasi 1,5 milioni di unità.