I due fuoristrada si sfidano su diverse tipologie di terreno. Ecco com’è andata

Prima di raccontarvi il viaggio che i nostri colleghi di Motor1 Russia hanno intrapreso e come si sono comportati i due fuoristrada scelti (Lada Niva e UAZ Hunter), vogliamo raccontarvi qualcosa di più sulla meta che hanno raggiunto dopo km di strade asfaltate, sterrate e paludose.

Trent'anni fa, una specie "aliena" di giganti escavatori - chiamata Takraf ERs 710 - è arrivata dalla Repubblica Democratica tedesca all’Unione Sovietica. Un escavatore da cava a più bacini è stato inviato in una miniera vicino a Voskresensk, a Mosca, - prima per estrarre fosforite e poi sabbia di quarzo per la produzione di prodotti chimici e vetro.

Takraf ERS 710

Regina delle escavatrici, è composta da 36 benne, ciascuna con una capacità di 0,71 metri cubi, pesa circa 1800 tonnellate e viene alimentata con elettricità da un trasformatore per 6.000 V. Con i problemi economici del crollo dell’URSS, l’impianto minerario di Voskresensk venne dismesso e la maggior parte dell’attrezzatura venne venduta.

UAZ Hunter Expedition vs Lada Niva fuoristrada

Il Takraf ERS 710 è una di quelle cose che è rimasta al suo posto e, sebbene stia diventando un enorme nido per le rondini, moltissimi turisti appassionati di tecnologie si dirigono verso questa enorme cava che ospita una delle più grandi macchine da escavazione realizzate.

200 km e 8 ore di viaggio

Già prima della quarantena forzata per il coronavirus, il collega Dmitry Laskov suggerì un percorso approssimativo verso un oggetto di culto esagerato come il Takraf ER 710. E' anche riuscito a fare una ricognizione con una Skoda Karoq ma non è riuscito a superare il tratto completamente fuoristrada e ha dovuto raggiungere il Takraf a piedi.

Per questa prova straordinaria sono stati scelti due fuoristrada: la Lada Niva e l'UAZ Hunter. Da Mosca al Takraf ER 710 il percorso è stato di 200 km ed è durato circa 8-10 ore. Per quanto riguarda i listini russi (tanto per darvi un'idea): dopo un altro aumento di prezzo, la Lada Niva Off-road è passata da 9.045 a 9.737 euro (sono disponibili due versioni), mentre la UAZ Hunter Expedition costa 11.840 euro.

In Russia, inoltre, non ci sono altre varianti disponibili sul mercato, il cui equipaggiamento non richiede l'approvazione della polizia stradale. Anche "UAZ Patriot" con un pacchetto completo costa intorno ai 16.464 euro.

UAZ Hunter Expedition vs Lada Niva fuoristrada

Le caratteristiche delle vetture

La Lada Niva costa circa 2.000 euro meno della UAZ ma sulla carta non sembra così cool in termini di capacità cross-country.

Queste sono le sue caratteristiche principali:

  • Corpo portante;
  • Trazione integrale permanente;
  • Blocco differenziale;
  • Riduttore per il cambio;
  • Snorkel;
  • Protezione del vano motore;
  • Pneumatici All-Terrain Cordiant, dimensioni 215/65 R16;
  • Altezza libera dal suolo 220 mm.

Di seguito le caratteristiche della UAZ Hunter Expedition dal design estremamente brutale:

  • Telaio a longheroni
  • Sospensioni a ponte rigido
  • Trazione integrale inseribile;
  • Riduttore per il cambio;
  • Bloccaggio differenziale posteriore;
  • Verricello;
  • Protezione dei tiranti dello sterzo;
  • Pneumatici BF Goodrich All-Terrain T/A K02, dimensioni 235/85 R16;
  • Altezza libera dal suolo 241 mm
Bloccato Lexus GX

Sebbene la Lada Niva sia più lenta e rumorosa, è ancora relativamente "civile" nell’utilizzo e per lo meno fornisce alla "jeep russa" una fruibilità quotidiana tollerabile. La UAZ Hunter non è così. Dietro ad una carrozzeria di colore arancione e ad un design più alla moda rispetto alla Lada si nasconde un fuoristrada nudo e crudo che deve essere guidato sempre al limite.

Se vi spaventano un pedale della frizione duro e molto lungo, i freni che cigolano e devono essere premuti fino in fondo o le vibrazioni e gli sbalzi, la UAZ non fa al caso vostro.

Il climatizzatore sostituisce le bocchette di ventilazione scorrevoli. Gli specchietti si possono regolare a mano e solo dall'esterno. Niente musica e niente airbag e gli stemmi dei dispositivi mostrano ancora la marcatura degli Anni '70.

L'UAZ è ancorata al passato, ma è anche un modello che insegna la pazienza e che nonostante le perdite, i bulloni svitati, le spie accese dopo 10.000 km non si ferma mai e permette di raggiungere qualsiasi meta. Tolti gli interni rudimentali privi di qualsiasi comfort ed ergonomia, la vettura da quasi 2 tonnellate è equipaggiata ancora con un vecchio propulsore aspirato a benzina da 2,7 litri con 135 CV, abbinato ad un cambio a 5 rapporti.

UAZ Hunter Expedition – на бездорожье

Dalla strada alla pineta

Prima di raggiungere l'abitato di Novocherkasskoe, i nostri colleghi hanno lasciato l'asfalto per una strada sterrata che entra in una pittoresca pineta. Il terreno è sconnesso ma percorribile anche da un’auto. Tuttavia, si sono fermati per togliere un po' d’aria dalle ruote.

In primo luogo, volevano rendere il movimento dell'UAZ un po' più fluido; in secondo luogo, per verificare se la gomma Nivov, che, a pressione standard, ha avuto problemi di autopulizia del battistrada e, di conseguenza, l'adesione al rivestimento, avrebbe funzionato meglio.

Superate le case estive e i resti dell’argine ferroviario, sono arrivati a quella cava molto aperta dove i turisti sono accolti da un cane che abbaia e un cancello chiuso. All'inizio la strada sembra scorrevole, soprattutto ora che l'autunno ha prosciugato il terreno, dopo qualche km però iniziano a comparire i primi solchi, la cui profondità aumenta sempre di più con la distanza dalla civiltà. In alcuni punti il sentiero è paludoso. Non si può camminare e a volte una pozzanghera innocua può nascondere una fossa solida.

È qui che l'UAZ ha dato il meglio. Attivate le quattro ruote motrici, i colleghi hanno proseguito senza molte difficoltà grazie anche alle ruote da quasi 32 pollici. La Lada Niva, invece, ha dovuto faticare un po’ di più. Le ruote, di diametro più piccolo, hanno fatto più fatica e non sono state sicuramente aiutate dalla mancanza di trazione del motore a benzina aspirato 1.7 litri da 80 CV.

UAZ Hunter Expedition vs Lada Niva fuoristrada

Si va "fuori"

Poi è arrivato il momento di passare dalla radura al sentiero laterale poco appariscente. Qui i conducenti hanno già bisogno di una certa creatività e di una certa ingegnosità nella scelta della traiettoria. A volte i proprietari della cava hanno cercato di bloccare il passaggio con dei fossi, la traccia raggiunge una profondità importante e in alcuni punti risulta più facile andare in profondità nella foresta e intorno alle zone in rovina.

Per fortuna i colleghi sono riusciti a sgombrare la strada, tagliando i ceppi particolarmente alti e spargendoli con un frangivento. È stato più facile spostarsi lungo il labirinto di tronchi a bordo di una più agile "Niva”, perché la UAZ è più ingombrante e non si sente a suo agio nei luoghi stretti.

Finalmente a destinazione

Improvvisamente i rami si dividono e gli occhi possono vedere un vasto spazio con vegetazione giovane e vera sabbia di mare. Questa è la cava numero 12, dove passa le giornate il Takraf ERs 710.

Da lontano non sembra così enorme ma più ci si avvicina, più la vista è epica. Sei solo un piccolo insetto vicino ad un'unità tedesca che ti ricorda i film “War of the Worlds” e “Chronicles of Predatory Cities” in una volta sola.

Non è stato possibile fotografare l'interno, ma possiamo dirvi che il Takraf ERs 710, ad eccezione della cabina dell'operatore di destra, la cui attrezzatura è stata smontata, è conservato nel suo stato originale. Ovunque ci sono cartelli di fabbrica in tedesco.

Takraf ERS 710

Non è un caso che i giovani qualche volta facciano romantici picnic proprio qui. Al tramonto, l'ex miniera sembra una riserva naturale, con tanto di "spiaggia". A proposito, entrambi i SUV hanno guidato a loro agio sulla sabbia, non c'è niente da menzionare.

UAZ Hunter Expedition vs Lada Niva fuoristrada

Le conclusioni

Viaggio concluso, i nostri colleghi sono tornati alla civiltà senza perdite, con le macchine intere, senza mai rimanere bloccati. La UAZ, ovviamente, ha fatto meno fatica grazie a pneumatici migliori, il telaio resistente, i paraurti robusti e un motore in grado di fornire la giusta coppia per uscire dalle situazioni difficili.

Per quanto riguarda la Lada Niva possiamo dire che ce l'ha fatta: con una pressione dei pneumatici ben scelta e una certa esperienza fuoristrada del pilota, la Niva è capace di molto.

Fotogallery: UAZ Hunter Expedition contro Lada Niva Off-road