Verrà sostituito da uno in acciaio, che permetterà ai tecnici di installare il filtro anti-particolato

Gli amanti della sportività priva di compromessi magari storceranno il naso, perché l'utilizzo di acciaio al posto di materiali compositi è visto in tutti i casi un impoverimento. Eppure la BMW giustifica l'aggiornamento con precise ragioni di natura tecnica: da novembre 2017 le BMW M3 ed M4 perderanno l'albero di trasmissione in fibra di carbonio a favore di uno analogo in acciaio, quasi sicuramente più pesante ma ritenuto più adatto in vista della futura installazione del filtro antiparticolato, soluzione necessaria per abbattere le emissioni inquinanti anche sui motori benzina in vista delle future normative anti-inquinamento. La novità è stata annunciata dalla BMW e verrà riservata alle M3, M4 Coupé e M4 Cabriolet, ma non alle più estreme M4 CS e M4 GTS.


Il nuovo albero di trasmissione, secondo la nota ufficiale, non incide sul comportamento delle auto e mantiene invariata la dinamica su strada delle M3 e M4, sportive da 431 CV apprezzate per l'agilità e la reattività ai comandi dello sterzo. L'albero di trasmissione è un componente fondamentale in tutte le auto, visto che unisce il cambio al differenziale e trasferisce l'energia prodotta dal motore alle ruote motrici, che nel caso delle M3 e M4 sono quelle posteriori. Su alcune vetture sportive l'albero di trasmissione è in fibra di carbonio e pesa meno rispetto a uno analogo in acciaio, ma sulle BMW M3 e M4 sarebbe troppo spesso per consentire ai tecnici di installare prossimamente il filtro anti-particolato, che servirà per abbattere le emissioni di particolato sui recenti motori a benzina.

BMW M3 e M4, da novembre addio all'albero di trasmissione in fibra di carbonio