Un nuovo V8, pochi ritocchi estetici e un’iniezione di tecnologia derivata dalla quattro porte

A soli due anni dal lancio, anche per la versione "a cielo aperto" dell’ammiraglia della Stella arriva il momento del primo aggiornamento di metà carriera che riguarda anche le versioni più performanti AMG. La Mercedes Classe S Cabriolet restyling viene presentata al Salone di Francoforte 2017 (12-24 settembre) insieme alla Coupé e a poche settimane di distanza dall’ammiraglia a quattro porte, dalla quale eredita tutte le nuove tecnologie di bordo.


Arriva la "Panamericana" sulle AMG


Non un vero e proprio restyling, quanto piuttosto un "lifting" per affinare lo stile, senza stravolgerlo. E’ quello che hanno fatto i designer Mercedes con la Mercedes Classe S Cabriolet restyling, che rispetto al modello che sostituisce può vantare un nuovo paraurti anteriore con prese d’aria più grandi e delle nuove luci OLED al posteriore. A formare il gruppo ottico ci sono 66 elementi che sono in grado di cambiare d’intensità e dare vita a diverse sequenze dinamiche. Dentro, invece, ci sono nuovi rivestimenti e i due display del cruscotto ora sono in alta definizione, entrambi con diagonale da 12,3". Di serie arriva anche la ricarica wireless dello smartphone e, in più, l’ultima generazione del comando vocale Voicetronic consente di controllare ancora più funzioni come la climatizzazione, il riscaldamento dei sedili, la profumazione e la funzione massaggio. Sulle versioni AMG debutta la nuova griglia Panamericana con listelli cromati verticali, così come è nuovo anche il paraurti anteriore, ora più aggressivo rispetto al passato. Sulla fiancata spiccano gli inserti tridimensionali che sembrano avvicinare il corpo vettura all’asfalto, mentre al posteriore c’è un estrattore di disegno diverso.


Debuttano il nove marce e la trazione integrale intelligente


Così come sulla quattro porte, anche la Classe S Cabriolet restyling viene "arricchita" di tutte le ultime versioni dei sistemi di assistenza alla guida, che ora hanno funzioni ampliate rispetto al passato. L’assistente attivo alla regolazione della distanza e quello dello sterzo, per esempio, lavorano in base ai dati di navigazione e cartografici per anticipare la riduzione della velocità e rendere la guida più confortevole. Con la nuova versione del Magic Body Control, invece, l’assetto della vettura è più reattivo di prima: adesso la Classe S Cabriolet può inclinarsi a 2,6° fino ad una velocità di 180 km/h grazie alla nuova telecamera stereoscopica che "scannerizza" la strada davanti all’auto. Per quanto riguarda le motorizzazioni, la gamma si articola su tre livelli. A differenza della Coupé, che è disponibile anche in versione V6 da 367 CV, la Classe S Cabriolet può avere l’otto cilindri da 4 litri in grado di erogare 469 CV e 700 Nm. La versione AMG S 63 4MATIC+ ora ha il V8 biturbo 4.0 che sostituisce il 5,5 litri, ma nonostante la cilindrata inferiore ora eroga 612 CV, 27 in più, ed è abbinato al nuovo cambio a nove marce 9G Speedshift. Con la trazione integrale intelligente 4MATIC+, la coppia viene distribuita in maniera variabile fra i due assi fino a trasformare l'auto in una trazione posteriore. Al top della gamma resta la AMG S 65, con il V12 da 6 litri e la bellezza di 630 CV.

Fotogallery: Mercedes Classe S Cabriolet restyling, più ammiraglia che mai