Si tratta di un’interpretazione realizzata dalla Qwest Norfolk, con il benestare della Tesla

Chissà se Elon Musk ci aveva mai pensato, magari per trasportare i dollari incassati con l’anticipo richiesto per la Model 3. Ci hanno pensato per lui, e con il suo benestare (l'auto gode quindi di tutti gli aggiornamenti over the air), gli inglesi della Qwest Norfolk. A cosa? Alla Model S shooting brake, che tecnicamente è una station wagon - visto che le porte sono 5 - ma il cui scopo è proprio quello per cui nacquero, nel secolo scorso, proprio le shooting brake: trasportare cani e armi (e bagagli) nelle battute di caccia.


Un'idea venuta al pub


Ed è proprio da una battuta di un amico che a Jim Router, direttore della Qwest Engineering, viene l’idea della trasformazione dell’elettrica americana. L’amico in questione, proprietario di una Model S, una sera al pub si lamenta per il poco spazio per la testa riservato ai suoi cani. Detto, fatto: ecco il tetto dritto della Model S by Qwest, che culmina in un portellone da vera SW.


Fibra di carbonio e stile


Il tutto, conservando le proporzioni originali, quindi “schiacciate” verso il basso. Non solo, per non aggiungere (troppo) peso a sbalzo, la struttura aggiuntiva è realizzata in fibra di carbonio. Il risultato? Giudicate voi dalle foto. Di sicuro, il lavoro non è stato né semplice né breve, visto che è stata ridisegnata da zero tutta la parte dalla portiera posteriore in poi, compreso il terzo finestrino laterale. 

Tesla Model S, dall’Inghilterra la station wagon