Una soluzione caduta in disuso, ma che mantiene tutto il suo fascino

Ferrari Testarossa, Mazda MX-5, BMW M1 e Volvo 480. Cosa accomuna queste 4 auto all’apparenza così diverse tra loro? Presto detto: tutte loro avevano i fari anteriori a scomparsa, una moda che andava forte tra gli anni ’70 e i ’90, capace di dare un fascino tutto particolare anche ad auto con linee altrimenti normali. Un fascino senza tempo che ha però dovuto fare i conti con 2 fattori fondamentali: sicurezza e consumi.

I perché di un addio

Se non si vedono più auto con fari a scomparsa infatti non è dovuto unicamente a un cambio delle mode e dei gusti, ma per una seria questione di sicurezza. In caso di urto con un pedone infatti i fari aperti potrebbero procurare gravi danni, con forti penalizzazioni già in fase di test EuroNCAP. La seconda motivazione che sta dietro l’abbandono dei fari a scomparsa è da ricercarsi alla voce “consumi”: quando sono aperte infatti le luci aumentano in maniera significativa la resistenza all’aria, andando a influire negativamente sul consumo di carburante.

Un amore che non si scorda mai

Detto ciò il fascino di un’auto con le luci a scomparsa non si discute e in questo nostro slideshow ne abbiamo messe assieme 10, tra le più rappresentative. Si va da super sportive di razza a modelli più normali fino a compatte da tutti i giorni, a dimostrazione di come fosse una soluzione che piaceva a tanti, a prescindere dal tipo di carrozzeria.

Ti potrebbe interessare: