Mostrato per la prima volta l’interno del SUV elettrico che debutterà entro fine 2018

A prima vista potrebbe sembrare di trovarsi davanti all’abitacolo di un’Audi normale, magari di una A8 o di una A7, con la coppia di monitor centrali e un terzo schermo davanti al guidatore, per dare forma e sostanza all’Audi Virtual Cockpit. Poi lo sguardo cade sui pannelli porta ed ecco che si capisce che le immagini non ritraggono l’interno di un’auto qualsiasi, ma quello dell’Audi e-tron, la prima auto (con forme da SUV) 100% della Casa degli Anelli. L’elemento rivelatore sono i piccoli monitor sistemati sopra le maniglie, necessari per mostrare le immagini riprese dalle 2 telecamere esterne, sistemate là dove solitamente ci sono normali specchietti retrovisori.

In punta di dita

Una novità assoluta per un’auto di serie, della quale abbiamo già parlato tempo fa e capace di caratterizzare l’ambiente dell’Audi e-tron. Si tratta di monitor 7” OLED touch, che permettono di zoomare su particolari o di muovere la visuale, così da avere sempre tutto sotto controllo semplicemente toccando lo schermo. Grazie a settaggi preimpostati il guidatore può scegliere tra 3 differenti visualizzazioni: autostrada, guida e parcheggio. Il tutto agendo sul sistema MMI.

Audi E-Tron in Copenhagen
Audi E-Tron in Copenhagen

 A ognuno il suo

Come detto prima l’impostazione della plancia riprende quella delle nuove A8, A7 e A6, con la coppia di monitor touch per gestire l’impianto di infotainment, il climatizzatore, l’impianto Bang & Olufsen Premium Sound System con 16 altoparlanti e altre funzioni secondarie. Un family feeling tecnologico accompagnato dai classici materiali di alta qualità, come alluminio e pelle Valcona, accompagnati da inserti in arancione, il colore dell’elettrificazione di Audi. C’è poi il disegno particolare dei sedili, che ricorda quello di circuiti elettrici, un richiamo alla natura a batterie della e-tron.

Lo spazio dell’elettrico

Come ogni auto elettrica l’Audi e-tron fa a meno di tanti elementi meccanici, come ad esempio l’albero di trasmissione e ha quindi il pavimento perfettamente piatto. Particolare che unito al passo di 2,92 metri, permette di ottenere spazio e comfort per 5 persone, senza rinunciare a un capiente bagagliaio. Comfort che passa anche attraverso la silenziosità di marcia, con il rotolamento degli pneumatici e il vento come unici rumori che entrano in abitacolo. Ultimo particolare che dà la cifra di come a Ingolstadt abbiano avuto un particolare occhio di riguardo per le “coccole” agli occupanti è il grosso poggiamano centrale, con integrati i comandi per gestire la trasmissione.

Leggi anche:

Fotogallery: Audi e-tron, le foto dell'abitacolo