Attesa a Pebble Beach, conta su 760 CV e quattro ruote sterzanti. Nelle immagini rilasciate, anche l'ordine degli "scoppi" del motore

Non si è ancora mostrata come mamma Lambo l'ha fatta, che ha già fatto segnare il record sul vecchio Nürburgring, strappandolo alla Porsche 911 GT2 RS. Alla Lamborghini Aventador SVJ, che farà il suo ingresso ufficiale in società a Pebble Beach, fra qualche giorno, piace proprio svelarsi piano piano.

Aerodinamica attiva

Ecco quindi il secondo teaser, che ci mostra la parte posteriore della hypercar di Sant'Agata Bolognese, con l'alettone in fibra di carbonio e la nota aerodinamica attiva: già visto sulla Huracan Performante, il sistema ALA dovrebbe generare un carico di circa 490 kg – il 40% davanti e il restante 60% dietro – alla velocità massima. Non è finita, perché in un'altra immagine “bonus”, si vede un pezzo dell'inconfondibile V12, con il classico ordine di accensione dei cilindri. Quello che serve per accorgersi dei collettori di aspirazione color oro, indice delle Lambo più cattive.

 

Leggi anche:

Tradizione Jota

Rispetto alla Aventador SV, la Jota (una tradizione che continua, a Sant'Agata, dai tempi del collaudatore Bob Wallace e della Miura) porta con sé 20 CV aggiuntivi, per un totale di 760, e una coppia di ben 720 Nm. Che devono muovere una massa di 1.525 kg a secco, ottenuti grazie all'ampio uso di fibra di carbonio. Gestiti, su strada e in circuito, dal sistema di quattro ruote sterzanti, con le posteriori che ruotano in direzione opposta alle basse velocità e nella stessa direzione delle anteriori alle velocità più alte. L'attesa sta per finire: a Pebble Beache ne sapremo di più.

Fotogallery: Lamborghini Aventador SVJ nuove immagini di dettaglio