Cerchi, griglia, specchietti e tanto altro virano sul nero e la dotazione di serie si arricchisce

Chi l’ha detto che un mezzo (prettamente) da lavoro debba trascurare l’aspetto esteriore? Nissan no di certo. E con Navara N-Guard conferma questo suo modo d’intendere il pick-up, genere di veicolo che in realtà, specialmente negli Stati Uniti, ha varcato da molto tempo i confini del semplice “utilitarismo”. Ecco in che cosa si differenzia l’N-Guard - in vendita da fine settembre, quando verranno comunicati i listini - dal resto della gamma.

Gioca a fare il duro

I cerchi? Neri (da 18”), come la mascherina anteriore, le calotte degli specchietti retrovisori, le barre sul tetto, i profili sulle portiere, il paraurti posteriore, le pedane e le maniglie delle portiere. Non c’è dubbio che in Nissan siano riusciti a dare un aspetto ben più aggressivo al loro pick-up, pur non intervenendo sulla dimensione dei cerchi o dei passaruota, né sull’altezza da terra. Per conferire un aspetto ancora più duro, il Navara con questo allestimento è disponibile solo nella “scala di grigi”: bianco, grigio e nero

Leggi anche

Più tecnologia

Il tetto panoramico e i sensori di parcheggio arricchiscono invece la dotazione tecnologica e vanno a integrare i dispositivi già presenti in precedenza: Hill Start Assist, Hill Descent Control, sistema di frenata automatica d’emergenza e Intelligent Around View Monitor. Non manca qualche personalizzazione all’interno, con inserti in grigio scuro e giallo sui sedili, abbinati a una doppia impuntura gialla. Un dettaglio che si ripete anche sulle finiture delle portiere e sui tappetini, con un disegno geometrico che richiama gli adesivi esterni.

Fotogallery: Nissan Navara N-Guard, foto della versione "dark"