Prima parte di questa Dritta del nostro Andrea sulle conseguenze di alcune politiche sulle limitazioni permanenti al traffico di Diesel e Benzina

Huston, chhhh, abbiamo un problema…
Parliamo di bilanci, di scelte politiche e di conseguenze che potrebbero andare a gravare su utenti e famiglie. Il discorso, il tema, è il solito spinoso: Diesel Euro 3 ed Euro 4 e relative limitazioni in alcuni comuni italiani. Quali opzioni e quali sanzioni per il presente ed il futuro di chi possiede questi modelli? 

Limiti territoriali e non solo...

La questione non è di lana caprina, considerando le limitazioni permanenti al traffico in regioni come il Piemonte, la Lombardia, il Veneto e l'Emilia Romagna. Queste, durante l'inverno, sono tra le regioni più rigide d'Italia, ed in alcune fasce orarie, sono stati imposti limiti per i sopracitati Diesel, ma anche per i benzina che rispettano i limiti imposti dall'allora normativa Euro2

Una questione aperta...

Già, ma che fare? Le problematiche possono riguardare ritmi familiari, lavorativi, oltre ad influenzare anche il mercato. Pensate solamente a dieci anni fa, quante auto Diesel ci hanno fatto innamorare, per cui abbiamo pagato bolli e manutenzione. Oggi, quelle stesse amanti trattate alla stregua di traditrici. E' pur vero che, tra Diesel Euro 3/4 ed Euro5, il salto in avanti in tema di emissioni è stato grande, dunque il concetto di Diesel è comunque relativo.

 

Giusto? Falso, considerando il recente blocco delle Euro5 Diesel attuato a Torino, e che di fatto è servito praticamente a nulla. Al riguardo, anche lo stesso Direttore Alessandro Lago ed il professore universitario Fabio Orecchini hanno trattato una puntata proprio con argomento con un titolo estremamente esemplificativo: "Perchè il blocco del traffico non serve a nulla". 

Dunque cosa fare in questi casi? La soluzione è quella di ascoltare questa Dritta di Andrea e farci sapere nei commenti se siete d'accordo o meno.