Vi facciamo vedere come funziona, sfrecciando attraverso la Redazione di Motor1.com

Alle telecamere in auto ormai siamo quasi abituati: ci aiutano a parcheggiare, ci proteggono controllando gli angoli ciechi e, talvolta, sono quasi in grado di far viaggiare da sola un'auto in autostrada, basti pensare all'AutoPilot di Tesla.

Eppure, con le telecamere possiamo anche giocare, pensando più in piccolo. Questa è la filosofia di Mario Kart Live Home Circuit, che sfrutta una piccola videocamera onboard per creare una pista in realtà aumentata ovunque ci si trovi.

Noi l'abbiamo provato nella nostra Redazione, e nel video qui sopra vi facciamo vedere come funziona.

Niente cartuccia, solo digital

Capitolo sicuramente rivoluzionario per la saga Nintendo nata nel 1992 - il primo Super Mario Kart era per Super Nintendo, o SNES per i più nerd - il nuovo Live Home Circuit è disponibile in esclusiva per Switch.

Mario Kart Live Home Circuit

Il gioco stesso si distacca dal precedente, Mario Kart 8 Deluxe, già solo nel nome: infatti, non c'è alcun numero 9 nel titolo.

E a proposito, il gioco "fisico" non esiste: si compra solo la scatola con dentro il go kart, i quattro checkpoint e i due segnalini di curva, mentre il software si scarica direttamente dallo store Nintendo.

Mario Kart Live Home Circuit

Un kart "connesso"

Di base, sembra semplice: un modellino, una videocamera e un piccolo motore elettrico. In verità, è il gioco a farlo sembrare semplice proprio perché è molto ben integrato.

Mario Kart Live Home Circuit

Vale a dire, in sostanza, che tutto quel che succede al kart virtuale succede anche al modellino reale, e viceversa. E nel video vi spiego meglio in che modo.

Sappiate, comunque, che durante il gioco nelle sue varie modalità, quasi ci si dimentica di avere un piccolo modellino che scorrazza intorno ai nostri piedi. E si sa, di solito quando qualcosa funziona bene, non ci si fa caso.

Fotogallery: Mario Kart Live Home Circuit