La nuova compatta di segmento premium del brand francese arriverà nel corso del 2021, portando al debutto tante interessanti tecnologie

Dopo la DS 7 Crossback, la piccola DS 3 Crossback e l'ammiraglia DS 9, il brand premium francese annuncia l'arrivo della DS 4. Il nuovo modello di segmento C verrà presentato nel primo trimestre del 2021 e rappresenterà un importante passo per il marchio DS verso una sempre più forte penetrazione sul mercato, andando ad attaccarne una delle fette più ricche.

Dopo mesi di anticipazioni e rumors oggi si conoscono i primi dati ufficiali sul modello, che in buona parte smentiscono molte delle supposizioni fatte fino a questo momento.

Benzina, Diesel e ibrida

La nuova DS 4, infatti, non sarà sviluppata sulla piattaforma CMP, come la cugina Citroen C4, bensì sulla più grande Emp2. Questo perché, almeno per il momento, il modello non verrà declinato in una variante completamente elettrica.

DS 4 (2021)

Accanto alle versioni ad alimentazione tradizionale con propulsori benzina e Diesel con potenze a partire da 130 CV, infatti, sarà disponibile anche una versione elettrificata che sfrutterà il ben noto sistema ibrido plug-in del Gruppo PSA a trazione anteriore.

Questo è costituito da un propulsore endotermico a quattro cilindri da 180 CV abbinato a un motore elettrico montato sull'asse anteriore, con una potenza di 110 CV, in grado di garantire una potenza combinata di 225 CV.

Il sistema elettrico della DS 4 E-Tense permetterà al modello di muoversi in maniera 100% elettrica per un massimo di 50 km. Per la ricarica, invece, DS ha dichiarato un tempo di 8 ore circa collegando la vettura alla normale presa di corrente domestica e di circa un ora e mezza sfruttando invece una wallbox.

Fotogallery: Nuova DS 4 Crossback, il rendering

Nativa digitale

Il binomio tra lusso e tecnologia rappresenta da sempre la produzione DS e in questo la nuova DS 4 non farà naturalmente eccezione. Anzi, porterà al debutto un inedito sistema di infotainment che potrà essere controllato con i gesti attraverso il sistema Smart Touch (un piccolo pad sul tunnel centrale) che, a detta di DS, assicura una maggiore precisione rispetto ai comandi gestuali controllati con una telecamera.

Il brand francese, inoltre, ha messo a punto il DS Iris System, ovvero un sistema di riconoscimento del linguaggio colloquiale che permette ai passeggeri di controllare l'infotainment utilizzando semplicemente la voce.

DS 4 (2021)
DS 4 (2021)

Sempre in tema di tecnologia a bordo, una menzione a parte la merita il DS Extended Head-up Display.

Si tratta di un'evoluzione dei tradizionali head-up display ai quali siamo abituati, che pur senza arrivare ad essere un vero e proprio sistema in realtà aumentata, permette di visualizzare le diverse informazioni sul funzionamento della vettura, o sulla navigazione o ancora sui media in riproduzione, su una porzione di parabrezza pari a ben 21 pollici, ad una distanza di quattro metri.

Si viaggia sempre comodi

La nuova DS 4 porta all'esordio anche interessanti novità dal punto di vista dinamico. Debuttano infatti le DS Active Scan Suspension. Si tratta di particolari sospensioni a controllo elettronico che lavorano all'unisono con la telecamera posizionata dietro il parabrezza.

DS 4 (2021)

Questa è in grado di rilevare buche, avvallamenti e in generale tutte le asperità del manto stradale, comunicando la loro posizione ad una centralina che, a sua volta, preparerà la risposta del singolo ammortizzatore per filtrare quanto più possibile l'eventuale buco.

Come da tradizione ormai, anche la nuova DS 4 potrà contare su due differenti livelli di illuminazione per quanto concerne i gruppi ottici anteriori.

Si parte con i "tradizionali" full-led dinamici, in grado di seguire l'andamento della strada e si arriva ai Matrix Beam Led, che grazie a 15 segmenti luminosi possono modificare il fascio di luce in base alle condizioni del traffico.

Fotogallery: DS 4, i teaser