smart si prepara a lanciare la sua offensiva nell’ambito della mobilità elettrica. All’IAA Mobility di Monaco, la joint venture nata nel 2019 tra Mercedes e Geely, presenta la Concept #1, il primo SUV del brand da sempre conosciuto per i suoi modelli compatti.

I due marchi puntano a far diventare smart un produttore leader a livello globale nel segmento dei veicoli premium elettrici. Geely si occupa dello sviluppo tecnologico, mentre Mercedes cura il design di interni ed esterni.

Il baby crossover che s’illumina a ritmo di musica

Il concept colpisce subito per le sue linee da SUV compatto e per il tetto in tinta bronzo a contrasto con la carrozzeria bianca. C’è anche da dire che questa smart non è più così…smart.

iaa-mobility-2021

Vedi tutte le notizie su Salone di Monaco

Metro alla mano, il concept misura 4,29 metri di lunghezza, 1,91 di larghezza e 1,70 di altezza. Rispetto alla forfour, lunga 3,50 m e larga 1,67 m, quindi, il cambiamento è piuttosto importante. Tuttavia, il segmento è completamente diverso e l’aumento di proporzioni porta anche dei graditi benefici in termini di abitabilità grazie al passo di 2,75 metri.

Nel complesso, lo stile è moderno, ma non eccessivamente futuristico, anche perché il modello di serie non dovrebbe discostarsi molto da questo prototipo. Il look è di quelli robusti con protezioni in color antracite e ruote da 21” su pneumatici dall’esclusivo design.

Le portiere posteriori si aprono controvento e permettono così un maggiore comfort per salire a bordo, anche grazie all’assenza del montante B, un aspetto che migliora anche la visibilità.

La personalità moderna della smart Concept #1 è comunicata dai sofisticati fari LED che offrono un elaborato gioco di luci attraverso piccoli triangoli che vibrano a ritmo di musica.

Fotogallery: Foto in anteprima del smart Concept #1 a Monaco

Cullati dall’intelligenza artificiale

L’abitacolo della smart si presenta fresco e arioso grazie all’ampio tetto panoramico in vetro, alle luci d’ambiente integrate nel pavimento e al design ricercato della plancia. A tal proposito, appena saliti a bordo si nota la console centrale che si “fonde” stilisticamente col tunnel tra i sedili e che ospita il grande display da 12,8”.

Qui un assistente virtuale aiuta l’utente a navigare tra i menu e le funzioni. Inoltre, il software di intelligenza artificiale apprende continuamente dal comportamento del guidatore per adattarsi alle preferenze individuali. Non manca la connettività con lo smartphone attraverso un’app dedicata che integra servizi e funzioni in rete dedicati ai clienti smart.

smart Concept #1

Il “cervello” della Concept #1 è un computer centrale che controlla infotainment, sistemi di assistenza alla guida, funzioni specifiche per la mobilità elettrica l’intera elettronica del veicolo. Questo “computer” può essere costantemente aggiornato over-the-air.

A livello di sicurezza sono presenti l’assistente di parcheggio, il sistema di sterzata d’emergenza, l’assistente alla guida in autostrada e per il mantenimento di corsia.

La Casa non ha ufficializzato autonomia e powertrain disponibili, anche se si ipotizza una percorrenza di circa 430 km WLTP, ma ha sottolineato che il modello definitivo avrà cinque posti. Al tempo stesso, smart ha annunciato un nuovo modello di vendita dei suoi prodotti che sarà sempre più digitale e individualizzato sui clienti. Ne sapremo di più nel corso dell'IAA di Monaco in programma dal 7 al 12 settembre.

Fotogallery: smart Concept #1