Range Rover V, da scrivere (e leggere) rigorosamente con i numeri romani, come si addice ai sovrani. Perchè di regalità il SUV inglese ne ha da vendere.

La quinta generazione debutta 51 anni dopo il primo modello della stirpe che risale al 1970. Oggi come allora La Range promette di combinare la versatilità di un fuoristrada col comfort di una grande berlina di lusso e la praticità di una station wagon.

Dunque l'evoluzione della Range Rover passa per lo stile, per la tecnologia, ma soprattutto per la reinterpretazione costante del concetto di lusso in senso moderno che trasforma l'auto in un oggetto di design incredibilmente iconico e desiderabile.

Un'auto del genere è però per definizione alla portata di pochi fortunati con prezzi a partire da 120 mila euro. La vedremo su strada (e magari in fuoristrada) dalla primavera 2022.

E' tutta nuova

La nuova Range Rover 2022 è nuova a partire dalla piattaforma perché è il primo modello basato sulla MLA-Flex, studiata da Jaguar Land Rover per i modelli d'alta gamma. L'obiettivo era contenere il peso, migliorare la dinamica di guida, ma soprattutto ospitare tutti i possibili powertrain elettrificati, dal mild hybrid al full electric che arriverà nel 2024.

La scocca è il 50% più rigida rispetto alla vecchia Range Rover e può ospitare da 5 a 7 persone a seconda della versione e del passo, Standard o Long Wheelbase (LWB). La prima è lunga 5,05 metri, mentre la seconda 5,25 con un incremento di 5 cm rispetto al modello uscente.

Land Rover Range Rover (2022)
Range Rover normale ed LWB

Com'è in video

Il design più "pulito" di sempre

La Range Rover ha dei canoni estetici da preservare. Ma questo non significa che non si possano ripensare e soprattutto ripulire nel segno del linguaggio stilistico dei più recenti modelli Land Rover. Velar in primis.

Secondo il Centro Stile Land Rover, il lusso moderno si manifesta con la semplicità delle forme. L'obiettivo era quindi quello di togliere tutto il superfluo in termini di linee, modanature ed elementi di carrozzeria. E basta guardare la fiancata del nuova Range per rendersi conto del risultato.

Da notare le linee più morbide e aerodinamiche del frontale, tanto che il coefficiente aerodinamico è dichiarato ad appena 0,30, una sorta di record per i SUV di grandi dimensioni.

La calandra presenta listelli cromati con effetto tridimensionale, mentre il disegno dei fari LED (dotati di 1,2 milioni di “microspecchi”) è stato rivisto per donare un nuovo sguardo alla Range Rover. Grazie ai montanti neri, il tetto sembra quasi sospeso sulla vettura, mentre la rivoluzione più sostanziale riguarda il posteriore. La “coda” della Land Rover cattura l’attenzione con un look meno elaborato rispetto alle generazioni precedenti.

Land Rover Range Rover (2022)
Range Rover, il posteriore

La modanatura nera del portellone unisce i fari LED verticali che, da spenti, sono integrati perfettamente nelle linee della coda.

Il nuovo stile non ha ridotto la praticità del SUV. Il bagagliaio presenta sempre la doppia apertura per facilitare le operazioni di carico e per ricavare un ripiano su cui appoggiare oggetti o sedersi al termine di un’avventura nel fuoristrada. La volumetria parte da 725 litri (con la seconda fila di sedili sollevata) e tocca i 1.841 litri.

Tecnologia per il comfort e la sicurezza

Come gli esterni, anche gli interni sono stati ridisegnati all'insegna della semplicità. Ma semplice non significa minimale e per quanto la disposizione della strumentazione sia stata razionalizzata, la Range trasmette tutta la sua importanza attraverso le rifiniture e la forma dei vari materiali più o meno pregiati ed eventualmente ecologici: tra i rivestimenti disponibili come alternativa alla pelle c'è l’Ultrafabrics, uno speciale tessuto più leggero e leather free.

Land Rover Range Rover (2022)
Range Rover, gli interni con schermo da 13,1 pollici

Dal volante a due razze e con corona in pelle bicolore s’intravede il nuovo quadro strumenti digitale da 13,7” su cui vengono mostrate anche le mappe del navigatore. Al centro della plancia, invece, c’è il display touch da 13,1” del sistema d’infotainment Pivi Pro.

La connettività è quella che ci si aspetta da un SUV di questo livello e comprende Apple CarPlay e Android Auto wireless, Spotify e Amazon Alexa. In più, l’hotspot Wi-Fi permette di collegare fino ad 8 dispositivi, mentre gli aggiornamenti al sistema sono automatici over-the-air.

I passeggeri posteriori, invece, possono utilizzare gli schermi touch da 11,4” installati sui poggiatesta dei sedili anteriori. Questi possono essere comandati da un display montato nel bracciolo centrale che permette di scegliere se vedere un film sfruttando la connessione Internet o riprodurre un altro contenuto multimediale.

Land Rover Range Rover (2022)
Range Rover, i rivestimenti anche in tessuto ecologico

La tecnologia Cabin Air Purification Pro aumenta la sicurezza all’interno dell’abitacolo. Oltre ai filtri per ridurre la presenza di CO2 e polveri sottili PM 2.5, questa soluzione può fermare buona parte dei batteri e dei virus, compreso il Covid-19.

Il suono del lusso

Un discorso a parte merita l’insonorizzazione che sulla nuova Land Rover è curata maniacalmente. L’attenzione dei tecnici inglesi è partita dalla piattaforma MLA-Flex, la quale è stata realizzata con un mix di materiali in grado di trasmettere pochissimi rumori all’interno.

La forma degli specchietti e dei montanti è stata elaborata per ridurre i fruscii aerodinamici, uno dei talloni d’Achille principali di qualsiasi SUV. Ma non è finita qui.

Land Rover Range Rover (2022)
I rivestimenti in pelle in configurazione 7 posti

La Range Rover è la prima auto al mondo ad equipaggiare un sistema di cancellazione del rumore integrato nei poggiatesta. I 35 altoparlanti dell’impianto audio Meridian Signature da 1.600 W utilizzano accelerometri e microfoni per misurare i rumori e li cancellano generando onde sonore a bassa frequenza. Secondo Land Rover, complessivamente la nuova Range Rover lascia percepire il 24% di rumori in meno rispetto al modello precedente.

Range Rover, i motori

Mild hybrid, ibrida plug-in e (prossimamente) anche elettrica. La nuova Range Rover fa un passo in avanti verso l’elettrificazione e presenta una gamma “supportata” dalla batteria in vari livelli.

Il listino parte con le mild hybrid a benzina P360 e P400 e quelle diesel D250, D300 e D350.

L’ibrida plug-in (PHEV) ha una batteria da 38,2 kWh e promette un’autonomia elettrica di circa 100 km, una distanza che, secondo Land Rover, è coperta giornalmente dal 75% dei propri clienti. Le versioni P440e e P510e sono abbinate ad un 3.0 a sei cilindri in linea e ad un motore elettrico da 105 kW. Nella più potente P510e, Land Rover dichiara uno scatto 0-100 km/h di 5,6 secondi ed emissioni di CO2 inferiori ai 30 g/km.

L’unica variante non elettrificata è la P530 con motore V8 biturbo più efficiente del 17% rispetto al precedente modello. Per la Range Rover elettrica, invece, bisognerà aspettare fino al 2024.

Versione Motore Alimentazione Potenza Coppia 0-100 km/h
P360 3.0 6 cilindri Mild hybrid benzina 360 CV 500 Nm 6,3 s
P400 3.0 6 cilindri Mild hybrid benzina 400 CV 550 Nm 5,8 s
P530 4.4 V8 Benzina 530 CV 750 Nm 4,6 s
D250

3.0 6 cilindri

Mild hybrid

diesel

250 CV 600 Nm 8,3 s
D300

3.0 6 cilindri

Mild hybrid

diesel

300 CV 650 Nm 6,9 s
D350

3.0 6 cilindri

Mild hybrid

diesel

350 CV 700 Nm 6,1 s
P440e

3.0 6 cilindri

Ibrida plug-in benzina

440 CV 620 Nm 5,9 s
P510e

3.0 6 cilindri

Ibrida plug-in benzina

510 CV 700 Nm 5,6 s

Il grado di comfort su strada si preannuncia elevatissimo. La Range Rover è dotata di sospensioni “predittive” Dynamic Response Pro che, attraverso i dati del navigatore, “interpretano” la strada e adattano il loro assetto per ottimizzare l’assorbimento delle asperità.

Inoltre, per migliorare la manovrabilità alle basse velocità sono presenti le ruote posteriori sterzanti fino a 7,3° che riducono ad appena 11 metri il raggio di sterzata (il dato più basso tra tutte le Land Rover). A velocità più elevate, invece, questa soluzione consente di migliorare il comportamento in curva del mastodontico SUV.

La Range Rover elettrica

Come scritto prima la Range Rover sarà disponibile anche in versione 100% elettrica, con debutto previsto per il 2024. Di specifiche tecniche non ne sono ancora state rilasciate ma, nascendo su una piattaforma studiata appositamente per ospitare anche motorizzazioni a emissioni zero, la presenza di batterie non influirà negativamente su spazio a bordo e capacità di carico.

Da più parti si parla anche della possibilità di una versione a idrogeno, ma in occasione della presentazione ufficiale della nuova Range Rover non si è fatto cenno alla tecnologia fuel cell. Una possibilità comunque da non escludere a priori grazie alla modularità della piattaforma MLA, in grado di ospitare anche motorizzazioni a idrogeno, e grazie anche alla partnership del Gruppo Jaguar-Land Rover con BMW.

Non rinuncia al fuoristrada

Sulla carta la nuova Range Rover mantiene intatte le sue capacità fuoristradistiche: angolo d'attacco di 34,7°, angolo d'uscita di 29° e un'altezza da terra di quasi 30 cm che consente di superare guadi di 90 cm.

La trazione integrale intelligente (iAWD) regola 100 volte al secondo la distribuzione della coppia tra gli assi e non manca il bloccaggio del differenziale posteriore per cavarsela nelle situazioni più difficili.

In più, il Terrain Response 2 permette di scegliere sei modalità di guida per modificare le impostazioni del veicolo e affrontare senza problemi vari tipi di terreno.

Land Rover Range Rover (2022)

Presente anche l’Hill Descent Control per regolare la velocità in discesa, mentre l’All-Terrain Progress Control funziona come una sorta di cruise control nel fuoristrada gestendo l’andatura dell’auto nei terreni più accidentati.

Quando arriva e quanto costa la nuova Range

Disponibile negli allestimenti SE, HSE e Autobiography, la nuova Range Rover ha un prezzo di partenza indicativo di 124.300 euro. Per il solo primo anno di produzione sarà in listino anche la First Edition. Basata sull’Autobiography, ha una dotazione unica ed è unicamente ordinabile nella colorazione Sunset Gold Satin.

Land Rover Range Rover (2022)

Il prezzo di partenza della nuova Range Rover LWB (quella a passo lungo) parte invece da 135.100 euro e se la si vuole in configurazione a 7 posti la richiesta minima è di 137.900 euro. 

Il top di gamma rimane la SV, l’interpretazione più lussuosa del SUV inglese che, come la PHEV, non sarà disponibile subito al momento del lancio. Questa versione ha una scelta di colori e rivestimenti realizzati a mano ancora più ampia e una serie di funzionalità esclusive per un’esperienza che si preannuncia piuttosto vicina a quella di Bentley Bentayga e Rolls-Royce Cullinan.

Fotogallery: Foto - Nuova Range Rover (2022)

Range Rover 2022

Lunghezza 5,05 metri (passo corto)
Altezza 1,87 metri
Larghezza 2,04 metri
Capacità di carico 725/1.841 litri
Angolo di frana 34,7°
Angolo d’Uscita 29°
Angolo di Dosso 27,7°
Trazione 4WD
Capacità di traino 3.500 kg