Immaginate di essere proiettati nel bel mezzo di un meno precisato futuro prossimo, e di voler fare un viaggio. Potete scegliere qualsiasi mezzo di trasporto, anche di fantasia. Ecco, quale sarebbe? Per il 56% degli intervistati da Bosch, in occasione di uno studio sul progresso tecnologico, il metodo preferito per spostarsi resta l’auto. Guidata direttamente dall’uomo, peraltro.

Nessuna guida autonoma, insomma, e nemmeno il teletrasporto che viene scelto da solo il 39% dei partecipanti al sondaggio di origine tedesca e scende fino al 10% per gli indiani. Gli aerei si attestano al 40%, mentre i treni al 32%.

Immaginazione a parte, lo scopo del Bosch Tech Compass, un sondaggio rappresentativo dell'opinione pubblica in Cina, India, Germania, Regno Unito e Stati Uniti, è capire quali sono le percezioni che le persone hanno sull'inarrestabile progresso tecnologico. Ebbene, la stragrande maggioranza degli intervistati di tutto il mondo, il 72%, pensa che la tecnologia stia migliorando il nostro pianeta.

ces

Vedi tutte le notizie su CES di Las Vegas

La tecnologia per risolvere (anche) la crisi climatica 

Il sondaggio, presentato in anteprima al CES 2022, vuole incoraggiare a osservare con più attenzione e con ottimismo l'impatto positivo che il progresso tecnologico sta avendo sul mondo globalizzato.

Un progresso che deve servire a fronteggiare le problematiche del nostro tempo e non a soddisfare le esigenze individuali (83%). Ad esempio, più di 3 intervistati su 4 ritengono che sia proprio attraverso la ricerca e l’innovazione che sia possibile arginare e persino sconfiggere il cambiamento climatico.

Eppure la ricerca mostra come, a livello globale, la percezione sugli effetti della tecnologia e sulle sue applicazioni non sia univoca. Mentre la maggior parte degli intervistati cinesi (83%) e indiani (77%), per esempio, ritiene che la tecnologia sia attualmente utilizzata a sufficienza per affrontare i principali problemi del nostro tempo, sono molte meno le persone che la pensano così negli Stati Uniti (47%), nel Regno Unito (37%) e in Germania (29%).

Ancora, recita il comunicato stampa di Bosch, “in Germania, Regno Unito e negli Stati Uniti le persone pensano che le tecnologie verdi, come l'ingegneria climatica, la biotecnologia e l'idrogeno, stiano portando notevoli vantaggi alla società, mentre Cina e India nutrono grandi speranze per tecnologie intelligenti e connesse come IA e 5G. Tuttavia, circa un terzo di tutti gli intervistati negli Stati Uniti e in Europa considera l'IA la più grande minaccia tecnologica”.

Il campione 

Per questo studio, condotto nell'agosto del 2021, sono state intervistate online persone di età pari o superiore a 18 anni provenienti da cinque Paesi (Cina, Germania, India, Gran Bretagna e Stati Uniti). 1.000 persone sono state intervistate in Germania e Gran Bretagna e 2.000 in Cina, India e Stati Uniti. I campioni sono rappresentativi per il rispettivo Paese in termini di regione, sesso ed età (DE, UK, USA: 18–69 anni / CN, IN: 18–59 anni).