All'interno dei direttivi delle multinazionali automotive, negli ultimi dieci anni, sono state create numerose nuove divisioni, atte a riciclare i materiali nel modo più ecosostenibile possibile.

Oggi, nel giorno del Global Recycling Day, vediamo il caso di Automobili Lamborghini, attiva in questo ambito dal 2009, anno in cui ha ottenuto la certificazione ISO 14001 cioè la normativa tecnica internazionale sui sistemi di gestione ambientale, che fissa i requisiti necessari a una qualsiasi organizzazione per diventare "green" nel riciclaggio dei materiali.

Pelle e carbonio

A Sant'Agata Bolognese, l'obiettivo principale degli ultimi dieci anni è stato proprio quello di riciclare il più possibile tutti quei materiali di qualità non adatta alla realizzazione delle costose supercar. Ne sono un esempio la pelle, ricevuta dai fornitori con alcuni segni estetici, oppure la limatura di fibra carbonio, ottenuta dalla lavorazione dei fogli grezzi in parti di ricambio.

La strada percorsa dal Lamborghini è stata tutt'altro che semplice. Partendo dal 2009 l'azienda è riuscita a ottenere incredibili risultati nel 2021, con una percentuale di riciclaggio dei materiali di scarto pari al 51%.

Il riciclaggio di Automobili Lamborghini
Il riciclaggio di Automobili Lamborghini

I processi

La pelle che non risulta idonea a far parte dell'allestimento di una costosa supercar di Sant'Agata, viene portata alla Cooperativa Cartiera di Marzabotto che si occupa di lavorarla per realizzarne piccoli oggetti rivendibili.

Questo processo all'interno dell'azienda è noto come Upcycled Leather Project e i prodotti risultati vengono messi in vendita a prezzo simbolico presso i concessionari Lamborghini. In particolare, la Cartiera realizza una tote bag, un porta smartphone, un porta carte e un portachiavi, tutti personalizzati con lo scudo del Toro e con la dicitura “Reduce, reuse, recycle", cioè ridurre, riutilizzare, riciclare.

Il riciclaggio di Automobili Lamborghini
Il riciclaggio di Automobili Lamborghini
Il riciclaggio di Automobili Lamborghini

Ma la pelle non è l'unico materiale riciclato da Lamborghini. Insieme al materiale di rivestimento degli interni delle supercar, anche la fibra di carbonio viene portata a nuova vita, in particolare i trucioli di scarto della lavorazione dal foglio grezzo al pezzo definitivo. La Casa di Sant'Agata dal 2020 a oggi è riuscita a riciclare circa 27 tonnellate di fibra di carbonio che o sono state rilavorate per creare dei nuovi fogli grezzi oppure sono state donate a diversi enti universitari della regione.

Se volete saperne di più sulla sostenibilità delle Case Auto, nella nostra rubrica Carbon Zero potete trovare tutti i processi produttivi "green" attuati dalle aziende del settore, con un nuovo appuntamento ogni settimana.

Fotogallery: Foto - Lamborghini ricicla i materiali non adatti alle proprie auto