Ci sono tuning europei di auto europee, ci sono tuning americani di auto europee e sì, ci sono pure tuning europei di auto americane. Ed è proprio questo il caso della Dodge Challenger elaborata da Autoservice Kurtz, azienda tedesca attiva nel campo delle trasformazioni automobilistiche, che ha realizzato una delle muscle car più larghe in circolazione.

Su aria

Prima di tutto, se ve lo steste chiedendo la risposta è affermativa; naturalmente l'assetto di questa particolare Challenger è ad aria. La "fazione" degli statici potrà sicuramente perdonare questa piccola licenza degli specialisti tedeschi, ma si è trattato di una modifica necessaria per poter alloggiare all'interno degli enormi passaruota le altrettanto grandi ruote da 23 pollici, con pneumatici 305/30 R21.

Parlando proprio dei passaruota, gli allargamenti in plastica verniciata e rivettati (proprio in stile americano) hanno aumentato le dimensioni della Dodge coupé di 26 cm oltre gli specchietti, un dato rilevante per tutti gli appassionati del genere.

Insieme alle modifiche laterali, i tecnici di Autoservice Kurtz hanno installato anche dei nuovi paraurti anteriori e posteriori, nuovi spoiler e splitter in basso e altre piccole componenti nella parte alta della carrozzeria.

Dodge Challenger Autoservice Kurtz
Dodge Challenger Autoservice Kurtz
Dodge Challenger Autoservice Kurtz

Non V8

A dispetto di quanto si possa pensare, questa Challenger è stata realizzata a partire da un modello SXT, quindi non equipaggiata con l'iconico V8 Hemi che abbiamo salutato del tutto nelle scorse settimane, ma con il 3.6 V6 Pentastar, modificato nell'aspirazione, nello scarico e nella centralina per la particolare occasione.

Prezzi e disponibilità, soprattutto europee, non sono ancora state rilasciate per questo particolare bodykit completo. Certo è che nel Vecchio Continente prima di tutto dovrete procurarvi una Challenger su cui applicarlo, impresa non difficile ma nemmeno semplice.

Fotogallery: Dodge Challenger Autoservice Kurtz