L’ottava generazione della Volkswagen Golf si aggiornerà presto. Tra fine 2023 e l’inizio del 2024, la compatta tedesca riceverà un importante restyling, che potrebbe rappresentare l’ultimo passo prima della trasformazione in un’elettrica pura.

I primi prototipi hanno iniziato a mostrarsi già nelle scorse settimane ed è arrivato il momento, quindi, di mettere insieme le varie informazioni raccolte e provare a immaginare lo stile della futura portacolori di Wolfsburg.

Come cambia dentro e fuori

La Golf restyling prende forma nel nostro render e si basa proprio sulle foto spia più recenti. A livello estetico, la Volkswagen non sembra promettere grandi rivoluzioni, coi fari LED che – per quanto più sottili rispetto al modello attuale – saranno sempre caratterizzati dalla firma luminosa unita al centro della calandra.

Volkswagen Golf restyling (2023), il render di Motor1.com

Volkswagen Golf restyling (2023), il render di Motor1.com

La parte bassa del paraurti, invece, dovrebbe ricevere una mascherina più piccola, con inserti dello stesso colore della carrozzeria ai lati. Naturalmente, il look sarà ulteriormente rinfrescato con nuovi design dei cerchi in lega e nuove verniciature.

Volkswagen Golf restyling, le foto spia

Volkswagen Golf restyling, le foto spia degli interni

Salendo a bordo, la Golf restyling dovrebbe ricevere una nuova strumentazione digitale, dal quadro all’infotainment. In alcune foto spia più recenti, per esempio, è stato avvistato uno schermo centrale a sbalzo da 12”, che potrebbe avere una grafica e un software completamente aggiornati e comandi a sfioramento retroilluminati.

I motori

La gamma di motorizzazioni della Golf resterà piuttosto variegata, con la conferma delle versioni mild hybrid a benzina nelle declinazioni da 110 (che potrebbero diventare 116, come sul restyling della T-Cross) e 150 CV. Resteranno disponibili anche le 2.0 TSI non elettrificate da 245 e 320 CV associate alle storiche sigle sportive GTI e R.

Volkswagen Golf restyling, le nuove foto spia

Volkswagen Golf restyling, le foto spia

Non dovrebbero mancare anche le diesel 2.0 TDI da 116 e 150 CV, oltre alla GTD da 200 CV. Improbabile una conferma delle varianti a metano (i dati di vendita di questa alimentazione sono in costante calo), mentre tra le ibride plug-in potrebbero esserci novità interessanti. Non è escluso, infatti, che Volkswagen installi una nuova batteria o che proponga un forte aggiornamento al software esistente.

A beneficiarne dovrebbero essere sia la potenza complessiva (che potrebbe superare gli attuali 204 e 245 CV delle eHybrid e GTE) che l’autonomia in elettrico, la quale potrebbe toccare gli 80-90 km.

I prezzi? Come ogni restyling, anche in questo caso ci attendiamo un leggero aumento del listino, che potrebbe partire da almeno 30-31.000 euro per la versione entry level 1.0 TSI da 110/116 CV.

Fotogallery: Volkswagen Golf restyling (2023), il render di Motor1.com