Ancora nulla di preoccupante, sia chiaro. Ma il costo dei rifornimenti all’auto alza di nuovo il muso, tornando a salire dopo circa due settimane di tregua. Per il momento, è Eni ad alzare i prezzi raccomandati di benzina e diesel, aumentandoli di 1 centesimo su entrambi i carburanti.

Le medie nazionali restano invece stabili, anche se, probabilmente, altre compagnie seguiranno l’esempio nei prossimi giorni, costringendo gli automobilisti a spendere qualcosina in più per fare il pieno alle vetture. E le ragioni sono da ricercare in Medio Oriente.

Petrolio in risalita

Come riportano infatti le agenzie specializzate in cronaca estera e mercati petroliferi, le quotazioni internazionali del greggio – da cui dipendono i prezzi dei carburanti – sono in risalita dopo l’ultima escalation di violenza nel conflitto fra Israele e Hamas, con Stati Uniti e Inghilterra che hanno lanciato la rappresaglia contro gli Houthi, le forze armate sciite dello Yemen che hanno preso di mira le navi mercantili nel Mar Rosso.

“Ci sono rischi di offerta – avvisa Warren Patterson, responsabile della ricerca sulle materie prime per ING –. Tuttavia, per ora non vediamo alcun impatto sulla fornitura del petrolio. E immagino che serva un’escalation peggiore prima che ciò accada”.

Dramatic sky over two oil pumpjacks in rural Alberta Canada

L’estrazione del petrolio

Oggi il petrolio Brent – benchmark di riferimento in Europa – viaggia quindi al prezzo di 77-78 dollari al barile ($/b), mentre il WTI – benchmark di riferimento in America – si aggira sui 72 $/b.

  • Brent: 77-78 $/b
  • WTI: 72 $/b

I prezzi alla pompa

Vediamo quindi i prezzi dei carburanti di oggi pubblicati da Quotidiano Energia (QE) ed elaborati sulla base delle comunicazioni dei singoli gestori all’Osservatorio del ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit).

Car refuelling at the petrol station

Auto in rifornimento

Il prezzo medio nazionale in modalità self della benzina si attesta a 1,774 euro/litro, con i diversi marchi compresi tra 1,762 e 1,784 euro/litro (media no logo a 1,767 euro/litro). Quanto al prezzo del diesel, sempre in modalità self, la media è pari a 1,732 euro/litro, con le compagnie posizionate tra 1,721 e 1,740 euro/litro (no logo a 1,724 euro/litro).

Venendo al servito, il prezzo della benzina in media è di 1,916 euro/litro, con le compagnie che oscillano tra 1,851 e 1,987 euro/litro (no logo 1,824). La media del diesel è arrivata invece a 1,873 euro/litro, con i singoli player tra 1,811 e 1,944 euro/litro (no logo 1,780).

Il Gpl si muove infine tra 0,722 e 0,739 euro/litro (no logo 0,708), mentre il prezzo del metano si posiziona in media tra 1,406 e 1,539 euro/kg (no logo 1,422).

Prezzi benzina e diesel (15 gennaio 2024)

Tipo rifornimento Benzina (€/litro) Diesel (€/litro)
Self service 1,774 1,732
Servito 1,916 1,873