Quando François Mitterrand e altri politici della Francia degli Anni '80 si muovevano in auto lo facevano di solito a bordo di una Renault 25. È così che si può capire l'importanza che la berlina transalpina ha avuto per il marchio tra il 1984 e il 1992.

Erede dei modelli 20 e 30, la 25 aveva uno stile elegante ed era ricca di soluzioni all'avanguardia per quei tempi. Per questo motivo fu scelta dai politici francesi come vera e propria ammiraglia dell'intera industria automobilistica del Paese.

Spaziosa e tecnologica

Come detto, l'imponente berlina fu lanciata nel 1984. Lunga 4,70 metri, la 25 aveva proporzioni importanti, ma anche una discreta praticità, visto che il bagagliaio aveva una capacità compresa tra 442 e 1.238 litri.

Inoltre, il passo di 2,72 metri assicurava uno spazio notevole nell'abitacolo, senza contare i tanti accessori che rendevano l'esperienza a bordo della Renault una delle più complete dell'epoca.

Renault 25 (1984-1992)

La plancia della Renault 25

Tra l'altro, al momento del lancio, la R25 era l'auto di serie con il miglior coefficiente di resistenza aerodinamica del mercato (0,28), migliore - per esempio - dell'Audi 100.

Sulla Renault era presente un computer di bordo "parlante" capace di monitorare le funzioni importanti del veicolo e indicare gli intervalli di manutenzione. Il futuristico quadro strumenti, da cui proveniva la vocina, fu creato dal designer Marcello Gandini.

Dai 63 CV del motore diesel fino al V6 da 201 CV

La gamma di motorizzazioni era piuttosto varia in termini di potenze. Si andava dal diesel da 63 CV fino al V6 turbo benzina 201 CV, che consentiva una velocità massima di 233 km/h, un valore di punta altissimo per l'epoca.

Renault 25 (1984-1992)

La borsa porta abiti sotto il ripiano del baule della Renault 25 Baccara

Anche grazie alle sue prestazioni, la Renault vinse premi importanti in tutta Europa. Per esempio, la 25 vinse il "Volante d'oro" in Germania nel 1984 e fu battuta solo dalla Opel Kadett E nel concorso europeo "Auto dell'anno" del 1985. 

Cambio di passo

Per rendere ancora più "presidenziale" la Renault, la berlina fu prodotta anche in una versione con passo allungato di 22,7 cm per ospitare le più alte cariche dello Stato dal 1985. Nello stesso anno, fu introdotta nel listino la declinazione "civile" di questa variante, che rendeva ancora più accogliente la zona posteriore. 

Questi modelli si potevano riconoscere per le porte posteriori più lunghe e il montante B più largo, con Renault che ne realizzò 832 esemplari. 

Renault 25 (1984-1992)

Renault 25 in versione standard

Dal 1988, la gamma della 25 venne allargata con l'introduzione della versione "Quadra" con trazione integrale. Sempre in quell'anno la berlina francese fu rinnovata nell'estetica, con forme più rotonde nel frontale e fari posteriori più larghi. Vennero aggiornati anche gli interni, con nuovi tessuti per i sedili, i quali erano disponibili anche con un design rivisto. 

Inoltre, vennero ridisegnati il cruscotto e le bocchette del climatizzatore. Altre modifiche riguardarono i motori, con quelli a benzina che ricevettero tutti un nuovo catalizzatore. 

Renault 25 (1984-1992)

Renault 25, il restyling del 1988

Il modello di punta era la Baccara, che tra i vari accessori poteva contare su climatizzatore automatico, rivestimenti in pelle e modanature in radica. 

Renault terminò la produzione della 25 nel 1992, dopo aver venduto 780.976 esemplari in otto anni. A lei è seguita la Safrane.

Fotogallery: Renault 25 (1984-1992)