La Renault Twingo ha segnato un’intera epoca. La prima generazione venduta dal 1993 al 2007 è stata un successo sia in termini di vendite (circa 2,42 milioni di unità prodotte in totale) che di popolarità in tutta Europa e ha contribuito a tracciare la strada per il segmento delle vetture ultracompatte da città.

Un successo che, per certi versi, si poteva prevedere sin dall’ottobre 1992, quando la Twingo fu presentata per la prima volta al Salone di Parigi ottenendo da subito pareri favorevoli dagli addetti ai lavori e dagli automobilisti.

Gli inizi

La Twingo arriva sul mercato all’inizio del 1993 ed è da subito apprezzata da tantissimi europei. Il suo nome è un mix delle parole “Twist, Swing e Tango” e le sue linee sono tanto semplici quanto futuristiche per l’epoca. Le sue origini sono legate al concept Matra P41, alla Renault Vesta II e alla Beskid 106.

Renault Twingo (1993-2007)

Renault Twingo (1993-2007)

Da queste vetture, la Twingo eredita le forme a uovo, il frontale che sembra quasi un sorriso e le caratteristiche tre prese d’aria sul cofano. Sotto al cofano, c’è un “umile” 1.3 a benzina da 54 CV, già utilizzato nella Renault 5 dal 1972, mentre dal 1996 viene introdotto il più moderno ed efficiente 1.2 da 75 CV.

Renault Twingo (1993-2007)

Renault Twingo, gli interni

A caratterizzare gli interni della Renault lunga appena 3,43 metri e larga 1,63 m, sono degli interni ricchi di personalità, con un volante a due razze e tessuti vivaci per i sedili. Tra l’altro, proprio i rivestimenti rappresentano uno dei punti più importanti della Twingo, che dal 1994 viene costantemente aggiornata ogni due anni con nuove scelte abbinate ai trend di moda dell’epoca.

Le evoluzioni

Nonostante le dimensioni compatte, la Twingo sorprende per la sua praticità, con la possibilità di ospitare quattro adulti e un bagagliaio capace di raggiungere i 261 litri. Un altro dei segreti della Renault è la semplicità della dotazione: gli unici due optional, infatti, sono il tetto apribile e l’aria condizionata. Almeno in un primo momento.

Renault Twingo (1993-2007)

Renault Twingo, il primo restyling

Successivamente, il catalogo degli accessori viene ampliato con la radio con lettore CD, i sedili in pelle e il navigatore. A questi si aggiunge l’innovativo cambio automatico Quickshift-5, che ha come obiettivo quello di rendere la guida ancora più confortevole in città.

Nel 1998 arriva il restyling, con paraurti anteriori e posteriori della stessa tinta della carrozzeria, una nuova plancia e alcune migliorie tecniche. Un anno dopo, la gamma si amplia con la versione “di lusso” chiama Initiale, mentre negli anni 2000 vengono aggiunti gli airbag e un impianto frenante più moderno.

La Twingo in formato “Frankenstein”

Naturalmente, nel corso della sua storia, la Twingo è stata protagonista di diverse conversioni d’eccellenza. Una delle più famose è quella operata da Pascal Dragotto, uno stuntman francese che ha modificato la Renault installando una turbina da jet da 2.200 CV.

Renault Twingo (1993-2007)

Renault Twingo con motore da jet

Renault Twingo (1993-2007)

Renault Twingo "Lazareth"

Altre creazioni di Dragotto hanno visto la Twingo trasformata in un pick-up e in un catamarano, mentre un’altra declinazione potentissima è stata la “Lazareth”. Questa speciale Twingo è dotata di un 3.5 V8 di origine Rover montato dietro i sedili anteriori e di una carreggiata larghissima.

Fotogallery: Renault Twingo (1993-2007)