Ci sono auto nate per la città, per il fuoristrada o per tanti altri tipi di utilizzo, compresa la pista. Chi può permettersi una hypercar da milioni di euro molto spesso fa anche parte di club esclusivi che qualcuno definirebbe "da sogno". Il programma Arte in Pista di Pagani è uno di questi ed ora si amplia con l'arrivo di una novità a cielo aperto: la Huayra R Evo.

Prima di raccontarvela, vogliamo citare le parole di Horacio Pagani, Founder & Chief Designer di Pagani Automobili: "È nostro piacere condividere con voi la Huayra R Evo, che spinge i confini delle prestazioni ancora più in là, così come le emozioni. Cominciamo ad aprire il tetto e proseguiamo da lì…".

Emozioni a cielo aperto

Il "tetto", dice Horacio, e il tetto una volta non c'era. I piloti erano esposti alle intemperie mentre cercavano di vincere una gara. L’ispirazione sul design della Huayra R Evo è venuta da lì, dal ricordo del passato osservando il presente. Horacio Pagani in persona racconta che l'idea è nata in occasione di una gara Formula Indy a Nashville.

Ha osservato come erano fatte le celebri monoposto aperte e dotate di Aeroscreen e ha pensato di "creare una vettura con avvolgenti superfici in policarbonato e con la possibilità di togliere i due tettucci per sentire ancora di più il fascino dell'aria e il suono del V12 aspirato".

Pagani Huayra R Evo

Pagani Huayra R Evo

Il risultato, dopo due anni di intenso lavoro insieme ai partner Pirelli e Brembo, è un'evoluzione della Huayra R con un pizzico di fascino anni ‘60 e ‘70 (pensiamo all'impostazione ‘codalunga’, con l’evidente allungamento dell’estrattore e del cofano posteriore, che ha comportato una completa revisione aerodinamica del veicolo).

La Huayra R Evo può essere configurata sia col posto di guida a destra sia a sinistra e la monoscocca integra diversi elementi per ridurre al minimo il peso, dalla gabbia di sicurezza alle strutture di sedute e poggiatesta, ed è realizzata con le più recenti tecnologie relative ai materiali compositi avanzati messe a punto da Pagani, quali il Carbo-Titanium HP62-G2 e il Carbo-Triax HP62.

Sebbene non ci siano per ora foto degli interni, sappiamo che sono equipaggiati con cinture di sicurezza a sei punti e sedili rivestiti in materiale ignifugo, mentre i poggiatesta sono provvisti di apposite protezioni laterali per il casco.

Il cuore è un V12-R Evo da 900 CV

La nuova Hypercar da pista è dotata della più moderna tecnologia derivata dal mondo delle competizioni ed è equipaggiata con un V12-R Evo da 900 CV (662 kW) a 8.750 giri/min e una coppia massima di 770 Nm, già disponibile da 5.800 fino a 8.200 giri/min. La Huayra R Evo nasce per offrire le massime prestazioni in pista fino alla linea rossa dei 9.200 giri/min.

Un obiettivo che per i tecnici di HWA AG e Pagani si raggiunge con un incremento di potenza e altri componenti fondamentali, come il collettore di aspirazione, corredato da un nuovo design delle trombette e nuovi alberi a camme al fine di ottimizzare il delicato processo di aspirazione.

Pagani Huayra R Evo

Il motore della Pagani Huayra R Evo

Il cambio sequenziale a sei rapporti è progettato in collaborazione con HWA AG e dedicato alla famiglia Huayra in versione da pista. Attuato da una frizione racing a 3 dischi in metallo sinterizzato, il cambio a innesti frontali garantisce un’efficienza di attrito del 95%, offrendo massima precisione in inserimento di marcia, tempi di cambiata estremamente ridotti e un peso complessivo di appena 80 kg (176 lb).

Arte in Pista, solo per clienti appassionati

La presentazione della Huayra R Evo (di cui non si conosce il prezzo) è un'occasione per ricordare che cos'è Arte in Pista. Il programma è nato poco tempo fa, nel 2021, in occasione del lancio della Huayra R, e propone ai clienti (anche di Zonda R e Zonda Revolución) un calendario ricco di appuntamenti personalizzati per godere al massimo delle doti di queste hupercar.

Gli eventi si svolgono nei più prestigiosi circuiti FIA del mondo, ma non sono competitivi. Il loro punto di forza, al di là del puro divertimento, è rappresentato dall'assistenza tecnica del team Pagani, che include il responsabile tecnico, l’ingegnere di pista e il personale meccanico dedicato per ogni veicolo, il fisioterapista e il nutrizionista proveniente dal motorsport. C'è anche il supporto di piloti professionisti, cosa volere di più?

Pagani Huayra R Evo, la scheda tecnica

   
Motore Pagani V12-R Evo, 6.0 litri, 12 cilindri a V aspirato in posizione centrale
longitudinale a 60°
Potenza 900 CV (662 kW) a 8.750 giri/min
Velocità massima 350 km/h
Coppia 770 Nm da 5.800 a 8.200 giri/min
Cambio Cambio sequenziale a 6 marce più retromarcia a innesti frontali
e frizione racing a 3 dischi in metallo sinterizzato
Trasmissione Trazione posteriore
Telaio Monoscocca con sedili integrati in Carbo-Titanium HP62 G2
e Carbo-Triax HP62, con telaietto tubolare anteriore e posteriore
in lega di acciaio al CrMo
Sospensioni Sospensioni anteriori e posteriori a doppio braccio oscillante indipendente in
lega di alluminio forgiato, molle elicoidali e ammortizzatori controllati
elettronicamente con heave damper addizionale per asse
Freni Dischi ventilati Brembo CCM-R
anteriori da 410×38 mm con pinze monolitiche a 6 pistoni
posteriori da 390×34 mm con pinze monolitiche a 6 pistoni
Cerchi Lega di alluminio forgiato monolitico con estrattore in fibra di carbonio
anteriori da 19 pollici
posteriori da 20 pollici
Pneumatici Pirelli P Zero™ Slick, Dry e Wet
anteriori 280/680 R19 e posteriori 345/725 R20
Peso a secco 1.060 kg
Dimensioni Lunghezza: 5180 mm; larghezza 2077 mm;
altezza 1164 mm; passo: 2794 mm

Fotogallery: Pagani Huayra R Evo