Il nuovo SUV compatto francese convince grazie a un interno futuristico, valide doti di guida e tanta tecnologia utile

Nella nuova Peugeot 3008 uno sguardo tagliente e le giuste misure avvolgono un interno che sorprende per design e tecnologia. Un notevole passo avanti rispetto alla prima generazione del 2009, che era caratterizzata da forme coraggiose e un'idea nuova: il primo ibrido diesel/elettrico Hybrid4. Da allora, che piaccia o no, le vendite di SUV compatti in Europa sono aumentate di due volte e mezzo e la concorrenza si è moltiplicata e affinata, per questo la Peugeot 3008 deve dimostrare di essere un SUV a tutti gli effetti.


Com'è


Sul muso verticale della Peugeot 3008 spicca la griglia concava, mentre i doppi fari con LED tratteggiati sembrano tagli nella carrozzeria che proseguono sui passaruota. Nel complesso il design è molto angolare e complesso, con la linea di cintura alta e i numerosi tagli e dettagli cromati che trasmettono un’idea di robustezza ricercata. Dietro invece le forme sono un po’ più semplici ma non banali, grazie alla fascia nera che avvolge i fari a tre elementi e ricorda quella di plastica a righe che avevano le Peugeot degli anni ‘80, come la 205 e la 405. Ciò che più distingue la Peugeot 3008 dalla concorrenza, però, è l’interno. A cominciare dall’i-Cockpit, la nuova idea di plancia che Peugeot ha introdotto con la 208 e che su questo SUV compatto fa un bel passo avanti: ha un design futuristico, quasi da concept, con continui cambi di forma, finiture e materiali, come nel caso del tessuto che sconfina dalle portiere nella fascia di fronte al passeggero. Si è evoluta tanto anche la tecnologia: davanti al guidatore c’è una strumentazione digitale personalizzabile con schermo da 12,3”, mentre al centro si trova un touchscreen da 8” con navigazione 3D e Mirror Screen per la connettività Android e Apple, le cui funzioni principali si possono controllare anche tramite alcuni tasti fisici ispirati a quelli di un pianoforte. La Peugeot 3008 è un’auto da famiglia, quindi la seconda fila è fondamentale: bene le bocchette e le prese di corrente dedicate (12 V e 220 V), meno lo spazio per le gambe, un po' limitato se chi sta davanti è alto. Il bagagliaio, invece, ha un volume di 520 litri - ottimo per la categoria - che può caricare oggetti fino a 3 metri se si abbattono il divano e il sedile del passeggero anteriore.


Come va


La nuova Peugeot 3008 è basata sulla piattaforma modulare EMP2 del gruppo PSA, che ha permesso un risparmio di 100 kg rispetto alla generazione precedente, a tutto vantaggio di prestazioni e consumi. Al volante il contenimento del peso si sente: la 3008 ha una dinamica molto piacevole, persino divertente se si tiene conto del tipo di auto e dell’altezza da terra di 22 cm. Mi hanno colpito in particolare le sospensioni, che assorbono bene le buche e allo stesso tempo riescono a contenere la massa dell’auto tra le curve, rendendo il nuovo SUV Peugeot sicuro e reattivo. Ho invece apprezzato di meno lo sterzo e il volante dal diametro ridotto, che a basse velocità è un vantaggio, perché restituisce una sensazione di agilità che fa sembrare la 3008 più piccola dei suoi 4,45 metri, ma quando si alza il ritmo o in autostrada rischia di rendere l’auto nervosa. Promosso a pieni voti, invece, il parco e silenzioso turbodiesel 1.6 BlueHDi da 120 CV e 300 Nm, che insieme al cambio automatico EAT6 a convertitore di coppia si sposa bene con la vocazione da viaggiatrice della Peugeot 3008. Per ora la 3008 ha solo la trazione anteriore e per chi volesse avventurarsi in fuoristrada, c’è la possibilità di avere il sistema elettronico Advanced Grip Control con 5 modalità di guida e assistenza in discesa HADC. Una versione 4x4 però ci sarà: arriverà nel 2019 e sarà un'ibrida plug-in a benzina dove l’elettrico muoverà le ruote posteriori. Tanta la sicurezza attiva, con dispositivi come la frenata automatica d’emergenza, l’allarme di rischio collisione o quello di cambio involontario di corsia, che corregge la traiettoria dell’auto agendo sullo sterzo.


Curiosità


Non può che essere il monopattino ad assistenza elettrica e-Kick: ha un prezzo di 1.200 euro e si può ricaricare collegandolo alla presa di casa o a un apposito dock nel bagagliaio della Peugeot 3008, che costa altri 320 euro. Peugeot, insomma, ha inventato il primo tender di un’automobile, per muoversi in città a zero emissioni dopo aver parcheggiato fuori dal centro.


Quanto costa


La commercializzazione della Peugeot 3008 è cominciata a ottobre e il suo listino va dai 23.150 euro ai 37.800 euro. Le versioni più interessanti, però, stanno nel mezzo: la 1.6 HDi 120 CV automatica in allestimento Allure della prova - che sarà la più venduta in Italia - costa 31.500 euro e ha già una dotazione più che adeguata per la categoria. La Peugeot 3008 è disponibile anche con due benzina da 130 e 165 CV, e due diesel da 150 CV e 180 CV, quest’ultimo riservato alla versione sportiva GT.


Scheda


Motorizzazione provata: Peugeot 3008 BlueHDi 120 EAT6 S&S
Quando arriva: Ottobre 2016
Quanto Costa: 31.500 euro (allestimento Allure)
Quanti CV ha: 120 CV
Quanto consuma (ciclo combinato): 4,2 l/100 km
Quanta CO2 emette: 108 g/km
0-100 km/h: 11,6 secondi
Garanzia: 2 anni/km illimitati

Gallery: Lunedì: il giorno più pericoloso per l'automobilista