Il super SUV non ha mai dovuto elemosinare potenza, ma ora oltre ad andare a 240 km/h è anche più maneggevole in curva

Provare l’accelerazione bruciante della Mercedes-AMG G 63 è un po’ come guardare un lanciatore del peso fare i 100 metri in meno di 10 secondi. Come sia possibile che tanta massa si muova così velocemente e così facilmente è proprio la magia della versione AMG della mitica Geländewagen. E questa nuova generazione del 2019 è la più scattante, veloce e manovrabile di sempre. Tutto inizia dalla serie di modifiche applicate alla Classe G standard per la generazione 2019: più grande e più leggera, più "civile" su strada, ma sempre una bestia quando questa finisce. Il V8 biturbo da 4.0 l; come succede nelle altre applicazioni del propulsore AMG, è ottimizzato a mano da tecnici qualificati in Germania. Con 577 cavalli e 850 Nm di coppia, batte il vecchio biturbo 5.5 l. Aggiungete il fatto che il nuovo G 63 ha fatto una bella dieta (anche se non è ancora disponibile un peso a vuoto preciso) e ora ha un automatico a nove velocità contro l'unità a sette velocità del suo predecessore, così lo sprint da 0-100 km/h migliora di ben di 0,9'' a soli 4,4''. Il limitatore della velocità massima la ferma a 220 km/h, ma con il pacchetto AMG Driver si possono toccare i 240 km/h.

Mercedes-AMG G63 MY19

Tutti insieme appassionatamente

Nonostante non passi inosservato quanto viaggia su strada è molto meno nervoso si quanto si possa immaginare. Ora il motore, carrozzeria e il telaio si percepiscono come se lavorassero tutti insieme, in armonia. Merito in gran parte della rigidità aumentata del 55% sulla nuova Classe G. Gli altri benefici arrivano dalle nuove sospensioni anteriori indipendenti e dallo sterzo a pignone e cremagliera che sono in grado di affrontare meglio la guida veloce. E la velocità davvero non manca. La Francia, con i suoi numerosi autovelox e i suoi limiti super slow attraverso i villaggi, non è proprio il luogo ideale per testare questo super SUV. Ma alla fine diventa una sorta di banco per provare, al limite, tutte le altre caratteristiche della G 63: frenata brusca fino al limite di 50 km/h per entrare in un villaggio per poi scatenare la furia del V8 quando si riparte dall'altra parte della città. Il motore è un mostro assoluto, mai imprevedibile nella sua erogazione di potenza e in grado di esplodere in un rombo furioso. E quel suono: trasformato dallo scarico Balanced nella modalità eufemisticamente chiamata Powerful (potente), somiglia più a un urlo di un'auto da pista che di un SUV.

Mercedes-AMG G63 MY19
Mercedes-AMG G63 MY19

Come un gatto fra le curve

Sulle strade tortuose è, però, dove ho davvero la sensazione che il G 63 si sia evoluto in qualcosa di nuovo. Selezionata la modalità Sport + per irrigidire gli ammortizzatori il nuovo avantreno mi permette di affrontare le curve con un'insolita naturalezza . La brutalità di prima finisce e ora motore e veicolo lavorano assieme piuttosto che lottare per avere il dominio. Con la cremagliera dello sterzo a rapporto variabile, mi è piaciuta molto la manovrabilità a bassa velocità, ma anche la grande stabilità in rettilineo sull'autostrada. Il sistema a quattro ruote motrici ora manda il 60 % della coppia del motore alle ruote posteriori, rispetto allo split 50:50 del modello precedente, il che sottolinea questa sensazione di maneggevolezza. Anche fermare il grande AMG è facile, con un pedale molto progressivo e dischi posteriori da 14.7'' e anteriori da 15.7'' più che all'altezza delle velocità. 

Mercedes-AMG G63 MY19
Mercedes-AMG G63 MY19
Mercedes-AMG G63 MY19
Mercedes-AMG G63 MY19

Elegante quanto serve

Esteticamente, la G 63 si riconosce grazie a elementi esclusivi come i cerchi la griglia, una fascia con prese d'aria maggiorate, parafanghi maggiorati, pinze dei freni rosse e abbondanti stemmi AMG e V8. Con la punta delle dita seguo il profilo dello sterzo tagliato, altrettanto soddisfacente e sportivo rispetto a quello delle altre AMG, coccolato come mi sento in sedili sportivi molto avvolgenti. Gli elementi in fibra di carbonio impreziosiscono il tutto, mentre alcuni dettagli come le cuciture a contrasto e l'Alcantara arricchiscono ulteriormente la cabina. La serie speciale Edition 1, realizzata per il lancio della G 63 è ulteriormente caratterizzata da accenti rossi sugli specchi e ruote nere da 22'', oltre a cuciture in rosso diamantato a contrasto sui sedili e un marchio, rosso a ore 12 del volante. Altri aggiornamenti all'interno della cabina riprendono il G500 2019: molto più spazio per gambe e gomiti su entrambe le file, un design più moderno e più tecnologia, compresi i display da 12,3'' per il quadro strumenti e il sistema di infotainment Comand.

Mercedes-AMG G63 MY19
Mercedes-AMG G63 MY19

In off road senza problemi

Pensare che tutto il focus sulla velocità on road abbia diminuito le prestazioni fuoristrada è un grande errore. Il G 63 del 2019, quando il gioco si fa duro, supera ancora ancora la maggior parte dei suoi rivali super-SUV, dotato com'è di tre differenziali bloccabili e di quasi 24 cm di di altezza da terra. Tuttavia, il trattamento AMG comporta alcune limitazioni: ad esempio, poiché è necessario un numero maggiore di dispositivi di raffreddamento anteriori, il fascione si estende più in basso rispetto al G 500 e quindi l'angolo di attacco del G 63 è 27° anziché 30°. Rispetto al G 500, inoltre, il G 63 ha una diversa tecnologia di ausilio alla guida in fuoristrada: c'è una modalità Slippery nell'ambitò della selezione Dynamic e poi quando si blocca uno dei differenziali, è possibile selezionare ulteriormente Sand, Rock, o Trail per personalizzare ulteriormente tutta l'elettronica (smorzamento, risposta dell'acceleratore, cambio, sterzo) in base al terreno. Come nel G 500, si può beneficiare anche di sensori a bassa frequenza per inclinazione selezionabili elettricamente, telecamere a 360° e un sensore per bloccare l'acqua che chiude le prese d'aria inferiori del motore quando si passa attraverso le pozzanghere.

Quanto costa?

È ancora difficile consigliare di acquistare il G 63 come un macchina performante su strada; a parità di spesa ci sono molte opzioni più veloci che offrono anche un'esperienza di lusso più completa. Ma nell'ostentare tutto questo quando si lascia l'asfalto e per la tranquillità che si avrebbe, se necessario, nello scalare le montagne, la nuova Mercedes-AMG G 63 rimane, nel suo genere, unica e senza rivali. In ogni caso la Mercedes-AMG G 63 parte da un prezzo di 156.490 IVA compresa. Con circa diecimila euro in più potete avere la versione Premium Plus, mentre per la Edition 1, limitata a 15 mesi dal lancio, ci vogliono 20.691,20 euro da aggiungere al prezzo base.

Scheda

Motore: V8 3.982 cc
Potenza: 585 CV
Coppia: 850 Nm
Consumo medio: 13.1 l/100 km
Accelerazione 0-100 km/h: 4.4''
Velocità massima: 220 km/h (240 con pacchetto AMG Driver)

Fotogallery: Mercedes-AMG G 63. Prime impressioni