L’apoteosi del lusso. Le Maybach rappresentano proprio questo, la massima espressione dell’esclusività per tutte le Mercedes. Negli ultimi 20 anni abbiamo già visto tre generazioni di ammiraglie derivate dalla Classe S, le quali hanno riscontrato grande successo soprattutto in Cina, dove viene venduto circa l'80% delle Maybach.

Ora, con le tecnologie e le soluzioni offerte dalla nuova Classe S presentata lo scorso settembre, il marchio di lusso vuole osare ancora di più. I nostri colleghi di Motor1.com Germania hanno messo alla prova tutte le versioni dell'ammiraglia. Sia da passeggeri che da "chaffeur".

Motore e meccanica

Partendo dai motori, la Mercedes-Maybach S 680 è l’ultima della sua specie ad essere equipaggiata con un V12. È un 6.0 di cilindrata ed eroga 612 CV e 900 Nm, per una spinta costante in qualsiasi condizione. Si può anche scegliere una versione più “mite” con un 4.0 V8 biturbo da 503 CV e 700 Nm, chiamata S 580. Infine, per la sola Cina (a causa delle elevatissime tasse sui beni di lusso), c’è anche la S 480 a 6 cilindri.

Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)

La trazione è rigorosamente integrale e, in aggiunta, tutte le Maybach sono dotate di un doppio sistema che fa ruotare anche l’asse posteriore (uno con un angolo di 4,5° e l’altro di 10°).

Ci sono poi le sospensioni pneumatiche Airmatic con ammortizzatori adattivi e l’Active Body Control, che monitora l’asfalto con dei sensori “preparando” il telaio a gestire al meglio le asperità. A livello di assetto, comunque, si possono regolare anche il controllo di stabilità e la risposta dello sterzo.

Esteticamente, la Maybach si riconosce per i 18 cm in più di lunghezza rispetto alla Classe S tradizionale. Altri elementi distintivi sono le porte posteriori più lunghe, i dettagli in alluminio spazzolato e i badge “Maybach” sul frontale e sui montanti. Si può anche richiedere la verniciatura in due tonalità, che è applicata a mano e richiede una lavorazione di una settimana.

Potenza e comfort

Alla guida, la versione S 580 conquista per la sua potenza e la sua silenziosità. Il V8 reagisce elegantemente e con prontezza ai comandi. Il suono del motore non si avverte mai troppo nitidamente, per evitare di disturbare i passeggeri. La spinta dunque non si sente, ma la si percepisce eccome!

Fotogallery: Mercedes-Maybach S 580 4MATIC (2021)

L’esperienza di guida è molto simile a quella della Classe S. Lo sterzo è dolce, ma consistente, mentre le sospensioni fanno un ottimo lavoro nel garantire comfort e buone prestazioni in curva. La taratura è leggermente più morbida rispetto all'ammiraglia Mercedes, ma è in linea col tipo di ammiraglia non plus ultra qual è questa Maybach.

Il fascino di un marchio così aristocratico si riconosce, come dicevamo, anche nel comfort di guida. Le molle filtrano al meglio ogni scossone e la risposta dell’acceleratore è al tempo stesso dolce e decisa, tanto che la straordinaria coppia disponibile permette di partire da fermo in seconda marcia.

Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)
Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)
Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)

Nonostante i 175 kg in più rispetto alla Classe S tradizionale (per 2,3 tonnellate complessive), l'auto assicura una tenuta in curva molto elevata. Al di là delle sospensioni, c’è da sottolineare l’intervento dell’asse posteriore sterzante, che “gira” di 10° le ruote posteriori dando una maggior reattività.

La top di gamma S 680 dà un feeling ancora più esclusivo. L’ultimo V12 mai montato su una Maybach dovrebbe diventare presto l’oggetto dei desideri dei collezionisti di tutto il mondo. Le prestazioni sono ancora più impressionanti, a dispetto degli ulteriori 60 kg in più sulla bilancia. Peccato che buona parte dei clienti non avrà modo di provare queste sensazioni perché (diciamolo chiaramente) è molto probabile che si ritrovi seduto nella fila posteriore.

Si viaggia da Re

Buona parte dei centimetri extra della Maybach sono finiti nello spazio posteriore per garantire uno spazio infinito a chi siede dietro. Come impone la tradizione del marchio, infatti, ad essere cullati e riveriti sono soprattutto i passeggeri. In questo caso troviamo anche un frigorifero a scomparsa, che tiene lo champagne al fresco con una temperatura compresa tra 1 e 7°C.

Il vero lusso, però, sono le poltrone. Queste possono essere reclinate fino a 43,5° ed integrano un cuscino nei poggiatesta. In più, si può spostare in avanti il sedile del passeggero anteriore per avere ancora più spazio per le gambe. E poi non mancano le funzioni di massaggio e di riscaldamento e ventilazione. Insomma, sembra proprio di essere in una spa su ruote.

Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)
Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)
Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)

A livello tecnologico, l’ammiraglia riprende in toto la dotazione della Classe S portandola ad un livello superiore. Ad esempio, è presente l’Active Road Noise Compensation, un sistema che sfrutta l’impianto audio Burmester 4D Surround per generare segnali sonori in grado ridurre i rumori esterni.

In aggiunta, si possono attivare una serie di funzioni attivabili solo con un movimento delle dita. L’auto, infatti, è dotata di un "gesture control" sofisticato che consente di alzare o abbassare la tendina separatrice tra prima e seconda fila, o di aprire e chiudere le portiere semplicemente muovendo la mano.

Con tutti i dispositivi di assistenza, la Maybach (legislazione permettendo) sarebbe capace di raggiungere la guida autonoma di livello 3: un’anticipazione del lusso del futuro in cui si viaggerà a bordo di un’ammiraglia Maybach senza nemmeno l’autista.

Voto: 9/10

La nuova Maybach alza l’asticella (già molto alta) della tecnologia, del comfort di guida e della cura degli interni della Mercedes Classe S. Le sensazioni come passeggero sono praticamente ineguagliabili. E anche al volante ci si toglie diverse soddisfazioni, soprattutto se si sceglie il V12.

È difficile immaginare un’auto ancora più lussuosa, per soddisfare le esigenze dell'1% dei ricchi del pianeta.

Fotogallery: Mercedes-Maybach S 680 4MATIC (2021)

Mercedes-Maybach S 680

Motore V12 biturbo; 5,980 cc
Trasmissione Automatico a 9 rapporti
Trazione Integrale
Potenza 450 kW (612 CV) a 5,250-5,500 giri/min
Coppia Massima 900 Nm a 2,000-4,000 giri/min
Accelerazione 0-100 km/h 4,5 secondi
Velocità Massima 250 km/h (autolimitata)
Peso 2.350 kg
Capacità di carico 540 kg
Capacità di carico 490 litri
Consumi 13.3-14.1 l/100 km
Emissioni 305-322 g/km CO2
Prezzo base 216.283 euro