I numeri della BMW X1 parlano chiaro, 13 milioni di unità vendute in 13 anni di carriera. Un successo globale a cui BMW spera di dar seguito con la nuova generazione, completamente rinnovata a 360°, nel design, nella meccanica, nella tecnologia e nella gamma motori.

Per la prima volta è anche elettrica: si chiama BMW iX1 e raccoglie tutte le tecnologie che la Casa bavarese ha già ampiamente testato sui modelli EV più grandi. Arriverà in concessionaria insieme alle versioni con motore termico a novembre 2022. Nel frattempo, siamo saliti a Monaco per provare il prototipo: cliccate sul video qui sopra per sapere come va!

Fuori si riconosce dai (piccoli) dettagli

Ad un occhio non particolarmente attento, la BMW iX1 potrebbe tranquillamente sfuggire il fatto che questa X1 sia completamente elettrica dato che differenze con la versione endotermica sono minime. Il che potrebbe essere un bene, soprattutto per chi cerca un’auto a batteria che esteticamente non sia troppo elaborata o appariscente. Sparsa qua e là sulla carrozzeria, la lettera "i" suggerisce la motorizzazione sotto il cofano, il bordo del logo BMW è blu e la grande griglia anteriore è finta non essendoci dietro componenti meccaniche da raffreddare.

BMW iX1 (2022)

Per il resto, è una X1 in tutto e per tutto, lunga 4 metri e mezzo, larga 1 e 84 e alta 1 e 64, stilisticamente decisa e tagliata nei tratti e dalle forme muscolose. I fari sono a LED sia davanti che dietro e i cerchi si possono avere da 18 a 20” di diametro.

Dentro c'è tanta tecnologia

Dentro, le nuove X1 e iX1 non hanno niente a che fare con il crossover di precedente generazione: la plancia è minimal nell'impostazione, con tutti i comandi raccolti nei due schermi di strumentazione e infotainment uniti tra loro senza soluzione di continuità. Il tunnel è flottante e qui ci sono i tasti per cambiare modalità di guida e accendere l’auto. Ottima la scelta dei materiali e la cura costruttiva. Una nota sul bagagliaio: la capacità a disposizione va da 490 a 1.495 litri, circa 50 in meno rispetto alla sorella endotermica.

BMW iX1 (2022)

313 CV e oltre 400 km di autonomia

Anche se per pochissimi chilometri, abbiamo potuto guidare la iX1 prototipo su un percorso prestabilito. L'auto ha tecnicamente un grande potenziale, è efficiente, ha buone prestazioni e l'assetto è equilibrato nonostante il peso superiore ai 2.000 kg dovuto alla batteria da 64 kWh di capacità che, sulla carta, garantisce un'autonomia  tra i 400 e i 450 km dichiarati secondo il ciclo WLTP. Qualche dettaglio, però, può essere ottimizzato: cliccate sul video qui sopra per scoprire come va!

Al lancio, la iX1 arriverà sul marcato in una sola motorizzazione, la xDrive30 di questa prova (successivamente, anche se non si sa ancora con precisione quando e come, la gamma verrà allargata). Per quanto riguarda la ricarica, può assorbire fino a 11 kW in corrente alternata - a pagamento però si può avere il caricatore di bordo da 22 – e 130 kW in continua, per passare in questo modo dal 10 all’80% di carica in circa 30 minuti. 

Fotogallery: BMW iX1 (2022)