Dal 1 ottobre 2019 è vietato l'accesso ad Area C per alcune categorie di auto. Resta l'accesso gratuito per le ibride

Il 1 ottobre 2019 non soltanto si sono strette le “maglie” di Area B a Milano, alla quale non possono più accedere i diesel Euro 4, ma sono entrati in vigore in nuovi blocchi del traffico per Area C, la ztl in centro città che prevede un ticket d’ingresso da 5 euro (2 euro per i residenti).

Fra le auto penalizzate non ci sono però le ibride, come sembrava a fine 2018, perché il Comune di Milano ha deciso di posticipare al 2022 il momento in cui dovranno pagare (oggi per loro l'accesso è gratuito). Per non fare confusione, quindi, ecco una semplice guida con tutto quello che c’è da sapere.

Area C, cos’è e quando è attiva

E’ una zona a traffico limitato con severi limiti alla circolazione, delimitata da 43 varchi elettronici in corrispondenza della Cerchia dei Bastioni, ovvero la zona più centrale di Milano. E’ attiva dal lunedì al venerdì dalle ore 7.30 alle 19.30, mentre resta spenta il sabato e nei giorni festivi. Vi si accede acquistando un ticket giornaliero, che vale per tutti gli ingressi effettuati dal medesimo veicolo in una stessa giornata dall’orario del primo accesso fino alle 19.30.

I varchi d'accesso "leggono" le targhe dell'auto solo all'ingresso di Area C, ma le auto non in regola (perché senza ticket o perché non ammesse) non possono circolarvi anche se sono già all'interno.

Chi può entrare gratuitamente

  • Autoveicoli elettrici
  • Autoveicoli ibridi, senza distinzioni fra ibrido leggero, "normale" o plug in
  • Scooter, moto, tricicli e quadricicli elettrici
  • Veicoli che trasportano disabili
  • Persone dirette al pronto soccorso

Chi non potrà più entrare gratuitamente

  • Dal 1 ottobre 2022 le autovetture ibride con emissioni di CO2 pari o superiori a 100 g/km
  • Dal 1 ottobre 2023 gli autoveicoli leggeri ibridi per trasporto persone (M2) e cose (N1, N2, N3)

Chi non può entrare

Dal 1 ottobre 2019 non possono accedere ad Area C, nemmeno a pagamento, i seguenti veicoli:

  • Autoveicoli trasporto persone benzina Euro 1
  • Autoveicoli diesel Euro 4 senza FAP
  • Autoveicoli diesel Euro 3 e Euro 4 con FAP con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Autoveicoli diesel Euro 4 con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 della carta di circolazione
  • Autoveicoli diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 con FAP after-market installato dopo il 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Taxi e NCC fino a 9 posti diesel Euro 4 senza FAP
  • Taxi e NCC fino a 9 posti diesel Euro 3, 4 con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Taxi e NCC fino a 9 posti diesel Euro 4 con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione
  • Taxi e NCC fino a 9 posti diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 con FAP after-market installato dopo il 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Autoveicoli per trasporto cose (N1, N2, N3) benzina Euro 1
  • Autoveicoli leggeri per trasporto cose (N1, N2, N3) diesel Euro 3, 4 con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,0045 g/km
  • Autoveicoli leggeri per trasporto cose (N1, N2, N3) diesel Euro 4 con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione
  • Autoveicoli leggeri per trasporto cose (N1, N2, N3) diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 con FAP after-market installato dopo il 30.04.2019 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Autoveicoli leggeri per trasporto cose (N1, N2, N3) diesel Euro III, IV pesanti Diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • Autoveicoli pesanti per trasporto cose (N1, N2, N3) diesel Euro 4 con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione
  • Autoveicoli pesanti per trasporto cose (N1, N2, N3) diesel Euro 0, I, II, III, IV con FAP after-market installato dopo il 30.04.2019 e con classe massa particolato pari almeno a Euro IV
  • Autoveicoli per trasporto persone (M2, M3) non adibiti a servizio di trasporto pubblico benzina Euro I
  • Autoveicoli per trasporto persone (M2, M3) non adibiti a servizio di trasporto pubblico benzina diesel Euro III, IV con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione > 0,01 g/kWh
  • Autoveicoli per trasporto persone (M2, M3) non adibiti a servizio di trasporto pubblico benzina diesel Euro IV con FAP di serie e senza valore nel campo V.5 carta circolazione
  • Autoveicoli per trasporto persone (M2, M3) non adibiti a servizio di trasporto pubblico benzina diesel Euro 0, I, II, III, IV con FAP after-market installato dopo 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro IV
  • Motoveicoli e Ciclomotori diesel Euro 0, 1

Nei prossimi anni le regole saranno sempre più stringenti e riguarderanno anche altre tipologie di veicoli. Ecco quali:

Dal 1 ottobre 2021

  • Euro 2 benzina
  • Euro 3, 4 diesel con FAP di serie e con campo V.5 carta circolazione <= 0,0045 g/km
  • Euro 0, 1, 2, 3, 4 diesel con FAP after-market installato entro il 31.12.2018 e con classe massa particolato pari almeno a Euro 4
  • Euro 5 diesel

Dal 1 ottobre 2024

  • Euro 3 benzina
  • Euro 6 diesel A-B-C acquistate dopo il 31.12.2018

Dal 1 ottobre 2027

  • Euro 4 benzina
  • Euro 6 diesel A-B-C acquistate prima del 31.12.2018

Dal 1 ottobre 2029

  • Euro 6 diesel D_TEMP
  • Euro 6 diesel D

Dal 1 ottobre 2030

  • Euro 5 benzina

Quanto costano ticket e... multa

L’accesso è gratuito per alcune tipologie di veicoli: le auto elettriche e ibride, oltre a scooter, moto, tricicli e quadricicli elettrici, veicoli che trasportano disabili (minuti di contrassegno) o persone dirette al pronto soccorso. Le altre auto devono acquistare il ticket giornaliero dal sito internet areac.atm-mi.it: costa 2 euro per i residenti e 5 euro per i non residenti.

Chi paga

Quanto costa

Auto elettriche

Gratis

Auto ibride

Gratis

Scooter, moto, tricicli e quadricicli elettrici

Gratis

Veicoli che trasportano disabili o persone dirette al pronto soccorso

Gratis

Auto benzina, diesel, gas di non residenti in Area C

5 euro

Auto benzina, diesel, gas di residenti in Area C

2 euro

Auto benzina, diesel, gas di chi parcheggia in 

strutture convenzionate in Area C

3 euro
Chi è entrato senza ticket ma lo attiva dopo la mezzanotte del giorno successivo all'ingresso, ma comunque entro 7 giorni dall'ingresso 15 euro

Accesso multiplo o ricarica del PIN associato alla targa (permette di accedere più volte fino all'esaurimento del credito)

30 o 60 euro

Autobus ed NCC

Qui i dettagli

Le multe per chi accede ad Area C senza aver pagato il ticket vanno da 80 a 335 euro.

Dove si acquista il tagliando d’accesso

  • sul sito internet MyAreac
  • presso tabaccherie, edicole e Atm Point
  • in uno dei 500 parcometri di Milano
  • chiamando il numero 02.48684001
  • agli sportelli Bancomat di Banca Intesa Sanpaolo abilitati
  • attivando l'opzione tramite Telepass
  • tramite i terminali Lottomatica
  • tramite terminali SISAL
  • con SMS al numero 48444
  • nelle autorimesse che aderiscono all'iniziativa.

Come si attiva il ticket per l’accesso ad Area C?

L’attivazione è contestuale all’acquisto negli sportelli di Banca Intesa Sanpaolo, nei parcometri, tramite il call center, tramite Lottomatica, tramite SISAL e con SMS. Si devono attivare dopo l’acquisto i tagliandi cartacei acquistati presso tabaccherie, edicole e Atm Point (seguendo le indicazioni scritte sul retro) e quelli acquistati online. 

Quando va attivato il ticket?

Nella giornata in cui si accede ad Area C, o al massimo entro le ore 24.00 del giorno successivo. L’eccezione vale per i tagliandi a tariffa agevolata delle autorimesse convenzionate, che devono essere obbligatoriamente attivati entro la mezzanotte del giorno stesso in cui si effettua l'accesso. 

Agevolazioni

Parcheggiando in un’autorimessa convenzionata (qui l’elenco) è possibile ottenere sconti sul ticket di accesso ad Area C: l’ingresso per i non residenti costa 3 euro.