Negli anni il Telepass si è evoluto e ora permette non solo di pagare l'autostrada, ma anche Area C di Milano, parcheggi e molto altro

“Appena torno faccio il Telepass”. Quante volte vi è capitato di pensarlo, magari dopo interminabili code al casello, guardando gli automobilisti nelle corsie con le strisce gialle passare senza fermarsi, facendosi un baffo di voi fermi in coda assieme a centinai di altre auto. Già, ma come si fa ad avere il Telepass e quanto costa? Domande esistenziali alle quali diamo risposta in questa semplice guida.

Telepass: cos’è

Citando Wikipedia il Telepass è un “sistema di riscossione automatica del pedaggio autostradale” nato nel 1989 e presente in tutti i caselli autostradali d’Italia. Fisicamente ha la forma di uno scatolotto grigio (un trasponder) o di altri colori che comunica col casello autostradale. Appena l’auto passa nella corsia apposita un impianto ottico riconosce il veicolo e manda un segnale che viene captato dal trasponder.

Telepass

Questo a sua volta invia un altro segnale univoco, così viene alzata la sbarra e registrato il passaggio del veicolo, addebitando il pedaggio direttamente sul conto corrente dell’intestatario. Negli anni il Telepass si è aggiornato e attualmente può essere utilizzato anche per pagare parcheggi, l’Area C di Milano, traghetti e altri servizi.

Come avere il Telepass

Semplice il funzionamento (basta non entrare in tecnicismi) e semplice anche il modo di ottenere il Telepass.

  • Online: semplicemente andando sul sito ufficiale Telepass.it e seguire le istruzioni. Bisogna tenere sotto mano i propri dati personali, quelli dell’auto (numero di targa) e bancari (IBAN) per l’addebito di tutte le spese. In questo caso il tempo di attesa per avere il device è variabile.
  • Punto Blu (qui trovate la mappa ), compilare tutte le scartoffie e uscire dall’ufficio con il proprio Telepass già funzionante. Questo è l'unico modo sicuro per ottenere immediatamente il Telepass. Quindi se vi siete mossi all'ultimo momento non vi resta che prendere l'auto e andare in un Punto Blu.
  • Banca o Uffici Postali (per sapere se il proprio istituto di credito è abilitato potete controllare online qui). Se siete fortunati potrete entrare immediatamente il device, altrimenti dovrete attendere qualche giorno (in media 3 giorni lavorativi).

Quanto costa il Telepass

I costi fissi del Telepass dipendono dalla tipologia scelta.

  • Telepass: 1,26 euro al mese, con fattura trimestrale (quindi 3,78 euro ogni 3 mesi) ai quali vanno naturalmente aggiunti i costi dei pedaggi e dei vari servizi come parcheggi, Area C e traghetti.
  • Telepass Strisce Blu: 1,26 euro al mese e, come suggerito dal nome, permette di pagare anche le soste nei parcheggi stradali a pagamento.
  • Telepass Pay: canone mensile di 2.5 euro (quindi 7,5 euro a trimestre) e include anche la possibilità di pagare sosta nelle strisce blu, taxi e carburante tramite un’app dedicata. Telepass Pay rappresenta una sorta di pacchetto aggiuntivo che può essere abbinato anche ai normali piani Telepass e Strisce Blu a 1,24 euro al mese in più.

Si può inoltre aggiungere l’opzione Telepass Premium che, al costo di 1,5 euro al mese, permette di usufruire di diversi vantaggi come: assistenza stradale 24 ore su 24 e sconti in esercizi convenzionati (ristoranti, noleggi auto etc…).

Telepass

Dove funziona il Telepass

Come scritto prima il Telepass funziona in tutti i caselli autostradali d’Italia e non solo. Da qualche mese infatti è attivo il servizio Telepass Europeo che permette di utilizzare lo stesso dispositivo per pagare i pedaggi sulle autostrade francesi, spagnole e portoghesi. Per attivarlo basta andare sul proprio profilo Telepass e il costo è di 2,4 euro al mese ma solo in caso di effettivo utilizzo.

Fotogallery: Telepass, quanto costa e come funziona