Molte volte quando dobbiamo scegliere la nuova auto da acquistare il uno dei pensieri si sofferma sui costi di gestione futuri. Oltre a quelli fissi dati da assicurazione, bollo, revisione e carburante, ce n’è uno in particolare che non è obbligatorio ma che una volta all’anno va ad incidere sul mantenimento della nostra auto. Stiamo parlando del tagliando.

Si tratta di un vero e proprio check up della vettura da effettuare dopo un certo numero di chilometri o un arco di tempo che, nonostante nella maggior parte dei casi non sia obbligatorio se non ai fini di mantenere valida la garanzia presso la Casa madre, risulta fondamentale per preservarne la sua funzionalità in termini di sicurezza, performance e durata.

Visti i costi sempre più elevati abbiamo deciso di fare una lista degli interventi più semplici che possono essere effettuati anche a casa in un tagliando auto fai da te, prendendo alcune precauzioni come posizionare la vettura in un terreno piano e con freno a mano tirato, in modo da non ricorrere in spiacevoli incidenti.

guida-acquisto-ebay

Vedi tutte le notizie su Le guide per risparmiare sugli acquisti online per l'auto

Cambio olio

Uno dei primi interventi che si possono effettuare a casa è il cambio dell’olio che va effettuato in linea generale ogni 15.000/25.000 km. In questo caso il primo passo è quello di controllare nel libretto di uso e manutenzione della nostra auto qual è il tipo di olio giusto e quanti litri ne servono.

Cercando online su eBay si possono reperire facilmente tutti i prodotti compatibili con la nostra auto andando nella sezione "My garage" e selezionare - fin nel minimo dettaglio - il modello in nostro possesso, così da trovare un elenco di tutti oli e filtri che fanno al caso nostro, evitando così di sbagliare. Naturalmente esistono anche prodotti universali, adatti a differenti modelli.

Sempre per non sbagliare si possono trovare kit già pronti, con olio e filtro adatti a differenti modelli:

Per trovare ciò che fa al caso nostro basta andare nella barra di ricerca e inserire "kit tagliando auto" e aggiungere il nostro modello.

Si possono scegliere poi differenti "taglie" per l'olio motore, da 1 fino a 60 litri, anche se quest'ultimo vi va bene se avete un'officina o un garage decisamente ben fornito. Naturalmente si può scegliere tra oli sintentici, semisintetici o minerali. Le differenze riguardano il metodo di creazione:

  • gli oli sintetici vengono creati in laboratorio, ha una maggior resistenza alle alte temperature e risulta più efficace, aiutando a ridurre i consumi
  • gli oli minerali hanno origine dalla raffinazione del petrolio e sono più "sporchi" rispetto ai sintetici, con un fuzionamento a temperature inferiori.
  • gli oli semisintetici, come da nome, rappresentano un "mix" tra le due tipologie

Se quindi viene naturale pensare a come gli oli sintetici siano i migliori, bisogna comunque tenere conto delle indicazioni del costruttore. Ogni Casa infatti raccomanda l'uso di una determinata tipologia di oli lubrificanti, arrivando anche a indicare quale marca preferire. Bisogna poi ricordarsi di non mischiare mai olio sintetico con olio minerale.

Una volta che abbiamo reperito tutto il materiale necessario e dopo aver posizionato la macchina a motore freddo e su terreno in piano, inserendo il freno di stazionamento, possiamo procedere in due modi: svitare il tappo di spurgo presente sotto la coppa dell’olio, lasciando defluire tutto il liquido in una bacinella o utilizzare un aspiratore di liquidi inserendo l’apposito tubo al posto dell’astina di controllo olio nel vano motore.

Ce ne sono di vari tipi, da uno economico a 12 V in vendita a 18,99 euro a sistemi professionali, con prezzo di 150 euro. A questo punto possiamo versare i litri di olio necessari svitando il tappo sopra al motore.

Attenzione poi allo smaltimento dell'olio: bisogna versarlo in un contenitore a tenuta stagna e portato in un centro di raccolta autorizzato. Se non sapete dove si trovano potete chiamare il numero verde CONOU (Consorzio Nazionale Oli Usati) all'800 863 048.

Per quanto riguarda il filtro dell'olio, la posizione e dopo averlo svitato, l’unica raccomandazione è quella di bagnare le guarnizioni del filtro nuovo con un po’ d’olio.

Naturalmente, è bene specificarlo, si tratta di lavori che richiedono una certa esperienza. Se siete dubbiosi meglio quindi recarsi in un'officina, anche con i prodotti da voi acquistati per far effettuare il cambio olio a dei professionisti.

Sostituzione filtri

Oltre a quello dell'olio ci sono altri due filtri che si possono sostituire a casa senza particolari difficoltà: aria e abitacolo. Per quanto riguarda il filtro aria è ciò che "pulisce" l'aria che arriva al motore, permettendogli così di "respirare" al meglio. Si tratta di un elemento all'apparenza semplice ma capace anche di aumentare le prestazioni del motore aumentando (seppur di poco) la potenza totale. Si tratta di filtri sportivi, come ad esempio

Naturalmente anche per i filtri motore esistono differenti tipologie, adatte a differenti modelli di tutte i tipi e di tutte le epoche, con prezzi variabili. Per cambiarlo basta identificare la scatola che lo contiene (per sapere dove si trova è sufficiente consultare il libretto di uso e manutenzione della vostra auto), sfilare quello vecchio e inserire il nuovo.

Stesso discorso per il filtro dell’abitacolo, in grado di pulire l'aria che respiriamo. I prezzi non sono particolarmente alti e si va da circa 10 euro, come il filtro aria Bosch per Fiat e Jeep ai circa 30, come il filtro a carboni attivi per le Tesla.

Tergicristalli, pressione gomme e non solo

La sicurezza in auto non deriva unicamente dalle parti meccaniche più "nascoste", ma anche da elementi semplici come i tergicristalli, indispensabili per avere una visibilità ottimale anche con pioggia forte. Per capire se i nostri sono da cambiare basta un esame semplice, toccando la gomma per verificare che sia ancora morbida e priva di crepe. In caso contrario bisogna sostituirli.

Bisogna poi controllare anche il livello del liquido tergicristalli. Si può optare per le soluzioni già pronte o per i concentrati da diluire poi in acqua, utili per portarseli in giro e non occupare eccessivo spazio nel bagagliaio. La stagione estiva con le sue alte temperature non presenta problematiche, mentre per l'inverno e il clima rigido, con possibilità di gelate, il consiglio è quello di optare per liquidi antigelo.

Altri controlli che si possono effettuare in modalità fai da te riguardano la pressione delle gomme, per la quale basta munirsi di un qualsiasi manometro. Ne esistono di vari tipi, come il manometro digitale o un classico analogico a "pistola" che, se attaccato a un compressore come questo permette anche di gonfiare le gomme.

Contenuto in collaborazione con eBay.it