L’utilitaria, tutta nuova, si può ordinare con tre motori e cinque livelli di allestimento. In concessionaria da marzo 2017

Nissan ha aperto gli ordini della nuova Micra e fissato i prezzi da 12.600 euro per la versione meno costosa, in allestimento Visia e con motore a benzina 1.0 da 73 CV. Il 1.0 da 73 CV è disponibile anche negli allestimenti Visia+ (13.800 euro), Acenta (14.800 euro), N-Connecta (16.700 euro) e Tekna (17.700 euro), di cui però non si conosce la dotazione. Nella prima fase di vendita si potranno ordinare il benzina 1.0 turbo e il diesel 1.5, entrambi da 90 CV, ma l’architettura dei 1.0 è a tre cilindri e del 1.5 a quattro cilindri. La Micra è lunga 3,99 metri e ha una linea molto aerodinamica, in netto contrasto con le generazioni precedenti, dalle forme tondeggianti e assai morbide. I primi esemplari arriveranno nei concessionari da marzo 2017, ma chi è impaziente può recarsi presso un concessionario della Casa e scoprire la Micra attraverso un visore per la realtà virtuale.


L’utilitaria giapponese si inserisce all’interno di una categoria dove la competizione è serrata, perché le berline a tre o cinque porte lunghe circa 4 metri sono un genere di automobile molto popolare in Italia: nel 2015 hanno venduto tutte insieme 666.819 unità. Fra le vetture di riferimento ci sono ad esempio le Renault Clio e Volkswagen Polo, sul mercato rispettivamente da 13.350 euro e 13.500 euro, mentre la Opel Corsa parte da 13.220 euro e la Mazda2 richiede un investimento da 13.900 euro. La rinnovata Citroen C3 parte da 12.300 euro, la Fiat Punto ha un prezzo di listino fissato a partire da 13.000 euro e la Hyundai i20 costa 13.650 euro. Nella lista includiamo anche la Ford Fiesta, in vendita da 13.500 euro, ma il paragone va organizzato con la recentissima nuova generazione.

Fotogallery: Nissan Micra, il 1.0 è anche per i neopatentati