Affinamenti rispetto alla già gloriosa W08, la W09 sarà guidata ancora da Hamilton e Bottas

La diva torna a mostrarsi , e lo fa senza stravolgersi troppo. Giusto una sistemata al trucco verrebbe da dire. Già perchè la monoposto di casa Mercedes, tanto capricciosa ad inizio del 2017 quanto vincente poi durante l'anno, ha continuato in questa sua incarnazione 2018 su quella strada intrapresa dodici mesi fa. Aveva problemi nella gestione dell'assetto, mandando in crisi le gomme a causa di quel terzo elemento della sospensione fatto eliminare dalla FIA, ma ben presto divenne regina in una lotta al vertice contro la Ferrari. Oggi si presenta più matura, con il nome di W09. Ed anche se la filosofia progettuale è andata incontro ad un'idea di continuità, da Brakley assicurano che non vi sia nulla di uguale rispetto alla W08.

Voglia di conferme

Una cosa è certa: la W09 vuol continuare a vincere come le progenitrici. Dopo il Poker di mondiali dell'era ibrida, la fame di vittorie di Stoccarda non si placa, con un Lewis Hamilton che punta a superare Sebastian Vettel nel computo dei mondiali vinti, e con un Valterri Bottas che vuole guadagnarsi la riconferma con una stagione simile a quella dell'esordio con la stella d'Argento, condita anche da due vittorie. Proprio il finlandese è stato protagonista dello shake-down della W09 in una Silverstone congelata con appena due gradi al mattino. Hamilton invece, sceso dopo pranzo in pista, si è divertito insieme a Billy Monger, il giovanissimo pilota vittima di quel brutto incidente nel British Formula 4 a Donington e che ora sta tornando a correre pur con le gambe amputate.

Dieta dimagrante ma non solo

Aldo Costa e James Allison sono intervenuti sulla vettura per cercare di estremizzare dei concetti già vincenti in tema di aerodinamica e prestazioni. Sicuramente un lavoro importante è stato effettuato nella riduzione del peso, complicato anche dall'introduzione dell'Halo. Un Halo che ha anche avuto l'ulteriore effetto di sporcare i flussi ed il raffreddamento del motore in una stagione in cui ci saranno solo tre specifiche. Ridotto anche il passo, accorciando lo spazio tra motore e cambio, anche se di contro si è pensato ad incrementare la distanza tra le bocche dei radiatori e le ruote anteriori. Per tutte le informazioni tecniche però, vi rimandiamo ai nostri cugini di Motorsport.com Italia.