La domanda sorge spontanea, dopo la presentazione della 508 Peugeot Sport Enginereed, ibrida e super veloce

Una Peugeot capace di sfidare la BMW M4? No, non stiamo scherzando. E nemmeno in Peugeot hanno voglia di perdere tempo. Che la 508 Peugeot Sport Enginereed vista al Salone di Ginevra la facciano davvero è tutto da vedere, però l’idea c’è, è in fase di valutazione e non è detto che venga esclusa. Ecco perché, al di là dei freddi numeri.

Lo 0-100 km/h, guarda caso, in 4,3 secondi

La “sfida” non può esaurirsi nei numeri, ma non si può non partire da lì: al fine di dare credibilità al progetto, per Peugeot è essenziale che siano all’altezza della situazione. Uno, su tutti, rappresenta un indizio: i 4,3 secondi (stimati, trattandosi di uno studio) necessari alla 508 Peugeot Sport Enginereed per scattare da 0 a 100 km/h. Sarà un caso se la BMW M4 impiega esattamente lo stesso tempo? Vien da pensare di no.

Stesso risultato, due modi praticamente opposti per ottenerlo

Premessa: la M4 presa qui come punto di riferimento (nella gallery qui sotto la CS) è ovviamente quella che si trova nel listino e che, fra non molto, verrà sostituita dalla nuova generazione. Detto questo, la tedesca punta tutto su un 6 cilindri in linea sovralimentato che scarica i suoi 431 CV e 550 Nm di coppia sulle ruote posteriori.

Il motore termico della francese è invece un 1.6 4 cilindri, sempre turbo, ma da “soli” 200 CV. In suo aiuto ci sono però 2 motori elettrici: uno da 110 CV montato davanti e uno da 200 affidato alle ruote posteriori, alimentati da un pacco batterie da 11,8 kWh, che permette di viaggiare per circa 50 km in modalità 100% elettrico.

La trazione invece è integrale senza collegamenti meccanici fra i due assi. Il risultato è una potenza di circa 400 CV e una coppia complessiva di 500 Nm.

Questione di immagine

E’ qui che si gioca la partita più difficile per Peugeot. Sì perché

Se dal punto di vista tecnico nessuno dubita delle capacità degli ingegneri del Leone - sebbene il marchio non abbia una grande tradizione di sportive in questo segmento - è anche vero che convincere un certo tipo di clientela non è mai facile.

Non lo è se si tratta di normalissime versioni turbodiesel, immaginatevi cosa possa voler dire “strappare” clienti a un’auto molto particolare e storica, da veri amatori, come la M4 (ovvero, la “fu” M3 Coupé).

Il prezzo? E' facile pensare che, qualora dovesse diventare realtà, la 508 "arrabbiata" costi meno della tedesca, ma non è qualche migliaio di euro di differenza a fare la... Differenza.

Risvolti per il futuro

L'entrata in produzione della 508 super sportiva, d'altronde, potrebbe ottenere il disco verde anche in assenza di previsioni di vendita che ne giustifichino l'investimento. Perché? Facile: Peugeot vuole crescere (e in parte lo sta facendo già da tempo) nel percepito della clientela e una macchina come questa potrebbe essere perfetta per lo scopo.

Senza contare che l'esperimento - l'ibrido sportivo - si potrebbe estendere (ma il condizionale si può togliere: questa strada tecnica è quasi certa, ormai...) anche ad altri segmenti, questi sì, magari, con un potenziale di mercato più elevato. 

Fotogallery: Peugeot al Salone di Ginevra 2019