Sono 12 con potenza di 22 kW e nei prossimi mesi ne verranno installate altre 8

Potrà sembrare strano che lo stato più piccolo del mondo pensi alla mobilità elettrica, ma nonostante l’estensione di appena 0,44 km2 anche in Città del Vaticano ci si muove in auto. Modelli a emissioni zero che hanno bisogno di una rete di ricarica e che da qualche giorno può contare su 12 nuove colonnine firmate Enel X, alle quali se ne aggiungeranno altre 8 nei prossimi mesi.

Piccolo ed elettrico

“L’installazione delle prime infrastrutture di ricarica di Enel X presso lo Stato Città del Vaticano dimostra come sia ormai necessario porre al primo posto la sostenibilità e la tutela dell’ambiente nella scelta tra le possibili alternative di mobilità – ha commentato Alessio Torelli, Responsabile di Enel X Italia – Siamo sicuri che questa decisione servirà da esempio e contribuirà ulteriormente alla diffusione delle auto elettriche nel nostro Paese”.

Le colonnine installate in Vaticano sono di tipo Pole Station da 22 kW, alle quali si possono collegare anche 2 auto alla volta. Ciò significa che, quando l’installazione verrà terminata, tra le mura vaticane ci saranno 40 punti di ricarica.

Per tutto lo Stivale

Attualmente Enel X conta 6.000 punti di ricarica in tutta Italia e ha un piano di espansione molto importante. L’obiettivo è quello di arrivare entro il 2020 a 14mila punti di ricarica lungo tutto lo Stivale, per raddoppiare e arrivare così a 28mila nel 2022.