A Le Dritte di Andrea si parla delle creature di Affalterbach. Quali sono le migliorie perchè?

Quali sono le tre AMG migliori di sempre? Sappiamo benissimo che, sopratutto in puntate come queste de Le Dritte di Andrea, si freme per poter scoprire le scelte con tanto di motivazioni, e confrontare con quelle che sono le proprie valutazioni. Già, ma prima di iniziare...un po' di storia!

Un pizzico di storia

AMG, sigla oramai conosciuta in tutto il mondo, acronimo legato a casa Mercedes, nasce nel 1967 e come è noto, la composizione di questo nome è figlio delle iniziali dei cognomi dei due fondatori e della cittadina dove nacque l'azienda: Hans Werner Aufrecht, Erhard Melcher e la cittadina di Großaspach.

La piccola azienda raggiunge ben presto riconoscimenti e successi. Il primo giunge nel 1971 quando il gruppo vince la propria categoria alla 24 Ore di Spa con il "maiale rosso", la AMG Mercedes 300 SEL 6.9. Da li a poco la società cresce e si trasferisce ad Affalterbach. Nel 1993 arriva la prima vettura stradale frutto dell'amore di AMG e Mercedes, la C36 AMG. Ecco, nemmeno a farlo apposta, ecco colei che occupa la terza posizione in questa personale classifica.

Gradino più basso del podio

Si chiama Mercedes-Benz C 36 AMG, ed è una versione della Classe C serie W202 (la prima serie della Classe C) derivata dalla versione C 280, su cui viene trapiantato in luogo del 2.8 litri, il 6 cilindri in linea da 3.2 litri della E 320, con la cilindrata aumentata di 400 cc a 3.606 cc grazie all'aumento di alesaggio e corsa. L'albero motore deriva invece dall'unità Diesel da 3.5 litri, mentre i freni dell'asse anteriore e posteriore derivano rispettivamente dalle coeve SL 600 ed E 420.

Oltre alla componentistica prelevata dalla “banca organi” di Stoccarda, ad Affalterbach si mettono a punto pistoni speciali, viene rivisto il sistema di lubrificazione, si modificano i condotti di scarico e di aspirazione e la fasatura della distribuzione. Volete conoscere le altre due posizioni? Non vi resta che vedere questo nuovo episodio de Le Dritte di Andrea.