Brillante e veloce, ma non estrema come la 63, ha un motore 6 cilindri portato a 390 CV. Cambiano anche lo stile e la multimedialità

Dotate del motore otto cilindri 4.0 da 476 o 510 CV, le GLC 63 e GLC 63 Coupé sono più vicine alle supercar che ai SUV per tutti i giorni. Questo non vale per le Mercedes-AMG GLC 43 e GLC 43 Coupé, dotate del V6 biturbo di 3.0 litri, che da quest’anno diventano ancora più “toniche” grazie all'iniezione di potenza per il "tremila", che passa da 367 a 390 CV di potenza.

A beneficiarne sono anche le doti di guida, perché i turbocompressori di maggiori dimensioni rendono più corposa l’erogazione della potenza, nonostante coppia (di 520 Nm) e prestazioni rimangano invariate: le AMG GLC 43 e AMG GLC 43 Coupé scattano da 0 a 100 km/h in 4,9 secondi e raggiungono la velocità massima autolimitata di 250 km/h.

Vanno forte senza essere estreme

Le versioni AMG 43 insomma sono un gran bel compromesso, perché vanno assai forte e hanno un assetto meno estremo delle AMG 63. Queste ultime inoltre non avvicinano i consumi delle “quarantatre”: per loro, stando alla casa tedesca, un litro di benzina è sufficiente per 9,4 chilometri, contro gli 8,6 km/l delle 63.

Mercedes-AMG GLC 43 Coupe (2019)

A completare l’equipaggiamento delle Mercedes-AMG GLC 43 ci sono il cambio automatico a 9 marce e la trazione integrale AMG Performance 4MATIC, che su fondi asciutti invia il 69% della coppia alle ruote posteriori: così viene privilegiato il piacere di guida. Non manca inoltre il selettore per le modalità di guida, oltre a quello per gestire l’assorbimento delle sospensioni: le 43 diventano così più morbide sulle asperità o più dirette in curva.

Fotogallery: Mercedes-AMG GLC 43

Tu parli, lei ascolta (ed esegue)

Le novità per l’edizione 2019 delle Mercedes-AMG GLC 43 e Mercedes-AMG GLC 43 Coupé sono analoghe alle GLC con i motori meno potenti – il restyling per loro è arrivato ad inizio 2019 –, perché cambiano la mascherina anteriore, i fascioni, le luci diurne nei fari ed i fanali posteriori. In coda fanno bella mostra i quattro scarichi rotondi.

Mercedes-AMG GLC 43 Coupe (2019)

Dentro invece è presente il sistema multimediale MBUX, diverso però rispetto a quello di cui è dotata la Classe A: i due schermi (quello per la strumentazione di 12,3” e quello per il sistema multimediale di 10,25”) non danno l’idea di essere un tutt’uno. Restano però gli evoluti comandi vocali e la superficie touch sul tunnel.

Fotogallery: Mercedes-AMG GLC 43 Coupé