Lunga 4,96 metri, questa elettrica ha linee filanti e un interno minimale. Ma il suo "plus" è l'autonomia: ben 600 km

Tetto ribassato, finestrini rastremati, lunotto di piccole dimensioni. A quale auto può riferirsi questa descrizione? Magari ad una sportiva, o forse ad uno fra i SUV con linee da coupé che tanto vanno di moda. Sbagliato: stiamo parlando di una wagon.

E nello specifico della Volkswagen ID. Space Vizzion, la novità della casa tedesca per il Salone di Los Angeles 2019, una station wagon elettrica dal look sportiveggiante che risponde alla descrizione fatta in apertura.

Del resto basta osservarlo per notare che questo prototipo non ha l’aspetto di una normale wagon: è filante e slanciato, per merito delle superfici vetrate ridotte al minimo e dalle dimensioni generose, perché misura 4,96 metri in lunghezza e 1,88 metri in larghezza.

Fotogallery: Volkswagen ID. Space Vizzion Concept

Fra estetica e funzione

Il look minimale della carrozzeria mette in evidenza l’originale frontale, privo della mascherina come per tutte le auto elettriche fin qui mostrate dalla casa tedesca. La ID. Space Vizzion però ha l'inusuale parte bassa del fascione con tante piccole aperture a forma di rombo.

In alcune sono alloggiati i fari diurni a led, mentre le altre sono funzionali e deviano l’aria per migliorare la resa aerodinamica: il flusso può fuoriuscire dai passaruota anteriori e scorrere nelle fiancate, oppure “deviare” verso l’apertura nel cofano anteriore e da qui raggiungere il tetto.

L’efficienza aerodinamica è alla base dell’ottimo valore di resistenza all’avanzamento, pari a 0,24, ottimo per una wagon: ne derivano minori consumi e fruscii alle alte velocità.

Nulla è fuori posto

L’essenzialità dell’esterno si ritrova nell’abitacolo, dove gli stilisti della casa tedesca hanno voluto ridurre tutto al minimo indispensabile: non sono presenti tasti o comandi fisici e persino il selettore del cambio è nascosto alla vista.

Il risultato è un ambiente di aspetto pulito e funzionale, come dimostra il tunnel fra i sedili, dotato di un portaoggetti nascosto da una tendina e di un altro piccolo vano alla sua base. A dominare l’ambiente è lo schermo touch di 15,6” al centro della plancia, che fa il paio con quello più sottile dietro il volante.

La ID. Space Vizzion è dotata dell’head up display con realtà aumentata, che proietta informazioni sull’auto o sul percorso in 3D alla base del parabrezza: il guidatore può fruirne senza distrarsi o abbassare gli occhi della strada.

Volkswagen ID. Space Vizzion Concept

Va veloce, e lontano

La ID. Space Vizzion è basata sul pianale per auto elettriche MEB, lo stesso della ID.3 (in vendita dal 2020), e ha batterie di 82 kWh che alimentano due motori: la potenza complessiva raggiunge i 340 CV e le prestazioni sono brillanti, come dimostra l’accelerazione da 0 a 100 km/h in 5,4 secondi. L’autonomia di 600 chilometri è assai valida in rapporto alla capacità delle batterie, prova che l’attenzione per l’aerodinamica non è affatto fine a se stessa.