Aventador, Huracan e Urus impegnate in una trasferta da Sant’Agata verso le cime innevate dell’Alto Adige

Il Natale è ormai alle porte e anche in Lamborghini hanno voluto celebrare le feste con un viaggio speciale, con 10 tra Aventador, Huracan e Urus che dalla sede di Sant’Agata Bolognese si sono dirette verso Brunico e Plan de Corones, in Alto Adige. Da 21 metri sul livello del mare le supercar e il super SUV del Toro hanno così raggiunto i 2.275 delle Dolomiti.

Viaggio verso la sostenibilità

Col viaggio Lamborghini ha colto l’occasione per visitare alcune delle realtà più virtuose d’Italia per quanto riguarda la sostenibilità ambientale, tema che a Sant’Agata è d’attualità fin dal 2015, quando la fabbrica è stata certificata “carbon neutral” dal DNV GL, ente di certificazione tedesco.

Un fiore all’occhiello per Lambo, pronta a un futuro che sarà anche elettrificato e del quale abbiamo avuto un primo assaggio con la Sian, l’ibrida con supercondensatori vista allo scorso Salone di Francoforte. Arriveranno poi altri modelli, magari anche la versione in “carne ed ossa” della V12 Vision Gran Turismo, la concept che debutterà nel 2020 all’interno del simulatore di guida Gran Turismo Sport.

Anno record

Ma i festeggiamenti di Lamborghini non si limitano al Natale e vanno oltre, verso la chiusura di un altro anno da record con ben 8.000 e più unità consegnate nel mondo, una crescita notevole rispetto alle 5.750 immatricolazioni del 2018. Gran parte del merito va sicuramente alla Lamborghini Urus, il super SUV del Toro nel quale la Casa bolognese confidava fortemente per dare un’accelerata alle proprie vendite.

Fotogallery: Lamborghini Christmas Drive