La prima vera Papamobile compie 40 anni e sarà esposta al Mercedes-Benz Museum

Molte auto sono entrate in contatto coi Pontefici nel corso del tempo, trasformandosi spesso in Papamobili speciali. E una di queste Papamobili è rimasta particolarmente impressa nella mente di fedeli e appassionati, probabilmente anche perché si trattava di una Mercedes.

Nel 1980 infatti, durante la visita di Papa Giovanni Paolo II in Germania, Mercedes fornì al Pontefice una vettura speciale, mai vista prima: una Classe G appositamente modificata.

L’auto divenne subito una star mediatica e per lei fu coniato il termine Papamobile. Questa particolare Classe G fu la prima auto creata non solo per il Papa, ma anche per i fedeli.

Ecco a voi 5 curiosità che forse non sapevate sulla Papamobile per eccellenza.

La Mercedes Classe G papamobile del 1980
  1. La Classe G del 1980 fu la prima auto creata per il Papa ad indossare una speciale vernice color bianco ghiaccio con finiture dorate. Prima di lei, tutte le auto a disposizione del Santo Padre erano verniciate di nero.

  2. Questa particolare Mercedes fu dotata di una cupola con seduta rialzata e vetri in plexiglass. In questo modo, il Papa riusciva a vedere meglio i fedeli, contentissimi di avere l’occasione di scorgere più da vicino Sua Santità. I vetri vennero poi sostituiti da coperture trasparenti antiproiettile, in seguito al tragico attentato a Papa Giovanni Paolo II nel 1981.

  3. Persino le luci all’interno della cupola vennero installate appositamente sulla vettura per permettere ai fedeli di vedere il Pontefice anche con scarsa visibilità. Diversi faretti integrati sul pavimento, sul tettuccio e sui lati illuminavano il Papa da differenti angolazioni.

  4. La speciale Classe G pontificia era inoltre dotata di un impianto di aria condizionata dedicato che permetteva di mantenere un clima adeguato all’interno della cupola, utile soprattutto durante viaggi estivi ed anche in condizioni di maltempo, in quanto impediva ai vetri di appannarsi. Comfort ai massimi livelli per il Santo Padre accentuato anche dalle speciali sospensioni adatte ad ogni tipo di terreno.

  5. In occasione della visita del Papa in Austria nel 1983, la Stella d’argento della Mercedes fu sostituita con il marchio Puch. In quel periodo infatti, la Classe G veniva prodotta e commercializzata in Austria sotto il nome di Puch, in quanto progetto sviluppato in collaborazione tra Mercedes-Benz e Steyr-Daimler-Puch.

La speciale Classe G pontificia sarà esposta al Mercedes-Benz Museum di Stoccarda fino a settembre, assieme ai modelli che hanno fatto la storia della G. Un’occasione unica per ammirare la prima vera e propria Papamobile, e non solo.

Fotogallery: La Classe G Papamobile del 1980 compie 40 anni